martedì 06 dicembre | 12:08
pubblicato il 03/ott/2013 12:26

Vajont: consiglio regionale Veneto commemora vittime a Longarone

(ASCA) - Venezia, 3 ott - Il Consiglio regionale del Veneto commemora il 50* anniversario del disastro del Vajont con una seduta straordinaria nel municipio di Longarone. Il presidente del consiglio, Clodovaldo Ruffato, ha convocato - riferisce una nota - i consiglieri regionali lunedi' 7 ottobre nella sala consiliare del comune bellunese, ''per rendere omaggio alle vittime del Vajont''. Al termine della seduta - alla quale sono stati invitati il sindaco di Longarone, Roberto Padrin, i consiglieri comunali, il prefetto di Belluno, Giacomo Barbato, le autorita' locali e la cittadinanza - i consiglieri regionali deporranno una corona di fiori nel cimitero monumentale di Fortogna, in memoria delle 1918 vite umane travolte dalla catastrofe del 9 ottobre 1963.

com-stt/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari