domenica 22 gennaio | 03:33
pubblicato il 18/giu/2013 10:59

Vacanze: Coldiretti, pranzo al sacco per 1 italiano su 3

(ASCA) - Roma, 18 giu - Pranzo al sacco in vacanza per quasi un italiano in vacanza su tre (32%) che, rispetto al passato, ha deciso di preparare da solo i cibi da portare in viaggio, in spiaggia, in montagna o durante le visite nelle citta' d'arte. E' quanto afferma la Coldiretti - riferisce una nota - nella prima analisi su ''Le vacanze degli italiani a tavola nell'estate 2013'', nell'ambito dell'incontro promosso insieme alla Fondazione Univerde sulla base sui dati Ipr marketing. Il pic nic e' l'unica forma di ristorazione che cresce con la crisi anche se il 28% dei turisti, all'opposto, complice anche un po' di pigrizia vacanziera, preferisce - sottolinea la Coldiretti - mangiare nel ristorante del posto dove alloggia, mentre il 23% sceglie di andare in trattoria o pizzeria. Una minoranza del 7% - continua la Coldiretti - si rifugia in bar e fast food per un pasto mordi e fuggi mentre appena il 3% puo' contare sull'ospitalita' di parenti e amici. Si tratta di risultati che - afferma la Coldiretti - evidenziano il ritorno del pic nic, di cui si svolge peraltro in tutto il mondo proprio il 18 giugno la ''Giornata Internazionale'', perche' rispetta quei canoni di sobrieta', liberta', risparmio, ma anche di desiderio di esprimere creativita' in cucina che sono propri degli anni della crisi. Una opportunita' che cresce nel consenso tra gli italiani che possono risparmiare senza privarsi di prodotti sani, tipici e genuini facili da trovare in tutte le localita' turistiche. ''Una alternativa valida in un paese come l'Italia che puo' contare su 871 parchi e aree protette oltre a chilometri e chilometri di spiagge'', afferma il presidente della Coldiretti, Sergio Marini, nel sottolineare che ''si tratta di ben il 10 per cento del territorio nazionale''. Secondo l'indagine tra i cibi piu' gettonati per un pic nic al mare figurano - precisa la Coldiretti - la frutta (77%), i panini (61%), le verdure (19%), i piatti pronti (17%) come pasta e riso freddo, pasticcio e lasagne, ma non manca chi sceglie altro come salumi, formaggi o la carne in scatola, il prodotto simbolo delle gite degli anni 60. com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4