giovedì 23 febbraio | 08:42
pubblicato il 18/giu/2013 10:50

Vacanze: Coldiretti, 8,3 milioni italiani acquistano cibo come souvenir

Vacanze: Coldiretti, 8,3 milioni italiani acquistano cibo come souvenir

(ASCA) - Roma, 18 giu - La crisi cambia le priorita' in vacanza con ben 8,3 milioni di italiani che scelgono il prodotto agroalimentare tipico del territorio come souvenir preferito, seguito da 3,5 milioni di italiani che acquisteranno, invece, oggetti artigianali (ceramiche, tessuti, lavorazioni in legno) mentre gadget, magliette e cartoline interessano appena 2,2 milioni di italiani. E' quanto afferma la Coldiretti nella prima analisi su ''Le vacanze degli italiani a tavola nell'estate 2013'', nell'ambito dell'incontro promosso insieme alla Fondazione Univerde sulla base dei dati Ipr marketing. Nell'estate 2013 - sottolinea la Coldiretti - i prodotti tipici come vino, formaggio, olio di oliva, salumi o conserve vincono su tutte le altre scelte, ma va segnalato con preoccupazione il fatto che quasi 4 italiani su 10 (37%) tornano a mani vuote dalle vacanze. Le difficolta' economiche che costringono molti a risparmiare in vacanza spingono anche verso spese utili, con l'enogastronomia che - sostiene la Coldiretti - e diventata anche una componente irrinunciabile della vacanza made in Italy.

L'Italia e' l'unico paese al mondo - continua la Coldiretti - a poter contare su un patrimonio di 4.671 specialita' tradizionali alimentari tutte esclusivamente ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni e realizzate con metodiche praticate sul tutto il territorio in modo omogeneo. A questi si aggiungono 252 prodotti Dop e Igp e 331 vini a denominazione di origine controllata (Doc), 59 a denominazione di origine controllata e garantita (Docg) e 118 a indicazione geografica tipica (Igt). La ricerca dei souvenir alimenta il turismo enogastronomico che e' anche favorito - sottolinea la Coldiretti - dal moltiplicarsi, nel periodo estivo, delle sagre dedicate ai prodotti locali con circa 18 mila eventi sul territorio nazionale, pari a una media di 250 appuntamenti al giorno. Quasi tre italiani su quattro che rispondono (74%) ha gia' deciso - rileva la Coldiretti - che partecipera' a sagre durante l'estate 2013 e di questi il 24% pensa di non spendere niente, il 34% non piu' di dieci euro per persona e l'14% tra i 10 ed i 30 euro per persona. ''Sono ventuno milioni gli italiani che hanno acquistato nei mercati degli agricoltori, un atto che, in vacanza, significa anche una responsabilita' sociale nel sostenere l'economia, l'occupazione e il paesaggio del territorio che si sta visitando'' afferma il presidente della Coldiretti, Sergio Marini, nel sottolineare che ''i mercati rappresentano nel contempo anche un formidabile strumento di coesione sociale, conoscenza, animazione sociale ed educazione alimentare, perche' ricreano un legame profondo tra consumatore e produttore''.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech