sabato 21 gennaio | 18:52
pubblicato il 28/gen/2013 18:25

Ustica: vittime da risarcire, ultimo capitolo di una tragedia italiana

Ustica: vittime da risarcire, ultimo capitolo di una tragedia italiana

(ASCA) - Roma, 28 gen - Si riapre il caso della tragedia di Ustica. Dopo anni di processi senza esito dal punto di vista penale, la terza sezione civile della Corte di Cassazione ha respinto un ricorso presentato dal Ministero della Difesa e delle Infrastrutture e Trasporti, sostenendo che i parenti delle vittime del disastro vanno comunque risarciti. Secondo i magistrati della Cassazione, ''e' abbondantemente e congruamente motivata'' la tesi che fu un missile ad abbattere il Dc-9 dell'Itavia il 27 giugno 1980.

La Cassazione ha confermato anche che il controllo dei radar sui cieli italiani non era adeguato e si tratta di una decisione che puo' essere definita ''storica'' in quanto i magistrati per la prima volta hanno stabilito che l'aereo, sul quale viaggiavano 81 persone, fu colpito in seguito ad uno scontro tra caccia militari.

Si tratta di un nuovo capitolo per un vicenda sulla quale la magistratura italiana si e' impegnata in una serie di procedimenti, alcuni avviati per ricercare le cause, gli autori e i responsabili della strage, altri per i depistaggi che gia' trent'anni fa emersero con chiarezza durante l'accertamento dei fatti. Gli autori materiali sono rimasti ''ignoti'' secondo l'istruttoria chiusa nel 1999 dal giudice Rosario Priore, ma siccome il reato di strage per il codice italiano non prevede la prescrizione, l'inchiesta potrebbe essere sempre riaperta. Per quanto riguarda i depistaggi, nel 2004 sono stati ritenuti colpevoli di alto tradimento i generali dell'aeronautica Lamberto Bartolucci e Franco Ferri, ma il reato, dopo oltre 15 anni, era caduto in prescrizione. I due generali ricorsero comunque in Appello, ottenendo nel 2005 un verdetto di assoluzione. Per quanto riguarda la parte civile, il Tribunale di Palermo, dopo tre anni di udienze, aveva condannato i Ministeri della Difesa e dei Trasporti al pagamento di circa 100 milioni di euro in favore dei familiari delle vittime: il tribunale ha infatti stabilito che il cielo di Ustica non era controllato a sufficienza dai radar italiani, militari e civili e l'accertamento dei fatti fu apertamente ostacolato.

Secondo la corte palermitana, il Dc-9 fu abbattuto nel corso di una vera e propria azione di guerra nei cieli italiani con la responsabilita' di alcuni esponenti dell'Aeronautica Militare Italiana.

Oggi la sentenza definitiva, almeno dal punto di vista civile della Cassazione, che ha respinto il ricorso del governo italiano.

uda/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4