mercoledì 07 dicembre | 20:13
pubblicato il 27/giu/2013 10:49

Ustica, Napolitano: fare chiarezza sulle responsabilità estere

Il Presidente: "Rimaste coperte inquietanti opacità e ombre"

Ustica, Napolitano: fare chiarezza sulle responsabilità estere

Milano, (askanews) - A 33 anni dalla strage di Ustica, le ombre sul Dc9 dell'Itavia che precipitò il 27 giugno del 1980 con 81 persone a bordo restano tante, troppe. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel ricordare l'anniversario della tragedia ha chiesto di accertare le responsabilità non solo nazionali ma anche estere "rimaste coperte da inquietanti opacità e ombre". In un messaggio al Presidente dell'Associazione parenti delle vittime della strage, Daria Bonfietti, Napolitano ha auspicato che le istituzioni sostengano le indagini tuttora in corso per "dovere" nei confronti delle "innocenti vittime del disastro".L'unico punto fermo nella vicenda giudiziaria è stato messo dalla Corte di Cassazione, che condannando lo Stato a dover risarcire le vittime, ha sentenziato che il Dc9 fu "ragionevolmente abbattuto da un missile". Una motivazione mai confermata in sede penale.

Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni