lunedì 16 gennaio | 16:25
pubblicato il 27/giu/2013 10:49

Ustica, Napolitano: fare chiarezza sulle responsabilità estere

Il Presidente: "Rimaste coperte inquietanti opacità e ombre"

Ustica, Napolitano: fare chiarezza sulle responsabilità estere

Milano, (askanews) - A 33 anni dalla strage di Ustica, le ombre sul Dc9 dell'Itavia che precipitò il 27 giugno del 1980 con 81 persone a bordo restano tante, troppe. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel ricordare l'anniversario della tragedia ha chiesto di accertare le responsabilità non solo nazionali ma anche estere "rimaste coperte da inquietanti opacità e ombre". In un messaggio al Presidente dell'Associazione parenti delle vittime della strage, Daria Bonfietti, Napolitano ha auspicato che le istituzioni sostengano le indagini tuttora in corso per "dovere" nei confronti delle "innocenti vittime del disastro".L'unico punto fermo nella vicenda giudiziaria è stato messo dalla Corte di Cassazione, che condannando lo Stato a dover risarcire le vittime, ha sentenziato che il Dc9 fu "ragionevolmente abbattuto da un missile". Una motivazione mai confermata in sede penale.

Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow