lunedì 05 dicembre | 09:33
pubblicato il 16/feb/2011 19:43

Usa/ Computer contro umani, all'Ibm seconda manche "Jeopardy"

Stasera per "Watson" l'ultima e decisiva gara

Usa/ Computer contro umani, all'Ibm seconda manche "Jeopardy"

Chicago (Illinois), 16 feb. (askanews) - "Watson", il supercomputer dell'Ibm impegnato nel popolare gioco televisivo statunitense "Jeopardy", si è aggiudicato nettamente la seconda delle tre manche contro due concorrenti umani: l'obbiettivo è quello di assicurarsi il milione di dollari di montepremi del quiz. Ad affrontare il supercomputer sono due supercampioni: Ken Jennings - recordman delle vittorie di fila, ben 74 - e Brad Rutter, che si è portato a casa la cifra più alta di sempre, oltre 3 milioni di dollari; attualmente la classifica vede "Watson" in testa con 35mila dollari contro i 10.400 di Rutter e i 4mila di Jennings: l'ultima e decisiva manche è in programma stasera. "Watson" - battezzato in onore del fondatore dell'azienda, non della spalla di Skerlock Holmes, invero non celebre per intelligenza - deve interpretare e rispondere a delle domande senza essere collegato a Internet: la sua specialità infatti è quella del poter "parlare" attraverso un sistema basato sul linguaggio naturale, caratteristica che potrebbe essere sfruttata in molti "sistemi esperti" come la diagnostica medica o l'assistenza tecnica a distanza. (con fonte Afp) (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari