martedì 28 febbraio | 05:09
pubblicato il 03/mar/2012 19:26

Urru/ Il padre: Farnesina non ci ha confermato liberazione

Ore di angoscia a casa della famiglia della cooperante italiana

Urru/ Il padre: Farnesina non ci ha confermato liberazione

Cagliari, 3 mar. (askanews) - "La Farnesina non ci ha ancora confermato la liberazione di Rossella". Sono ore d'angoscia quelle che si stanno vivendo nella casa di Samugheo, in provincia di Oristano, dove abitano i genitori di Rossella Urru, la cooperante italiana rapita il 22 ottobre scorso e che sarebbe stata liberata oggi anche se non si hanno conferme ufficiali. E' comprensibilmente preoccupato Graziano, il papà di Rossella che cortesemente ma con fermezza congeda il cronista: "penso capiate bene il nostro stato d'animo in questo momento". Nessuna certezza quindi sulla sorte di Rossella dopo che questa mattina si era diffusa la notizia della liberazione annunciata dalla tv Al Jazeera e da diversi siti africani. In un primo tempo si era sparsa la voce di una presunta conferma anche da parte della questura di Oristano, poi smentita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech