domenica 04 dicembre | 19:55
pubblicato il 05/feb/2014 13:39

Universitari italiani bamboccioni? No, oltre il 50% lavora

Solo il 34% afferma di studiare grazie aiuto totale genitori

Universitari italiani bamboccioni? No, oltre il 50% lavora

Roma (askanews) - Universitari italiani, altro che bamboccioni: oltre la metà lavora per mantenersi agli studi. Lo rivela il sondaggio della piattaforma didattica Docsity realizzato intervistando 352 studenti di età compresa tra i 20 e i 26 anni.Alla domanda se "Papà ti paga gli studi?" il 38% dei giovani ha ammesso di avere un lavoro full o part time, a cui si somma un 21% che dichiara di unire il contributo dei genitori con entrate derivate da un lavoretto.Solo un 34% afferma di mantenersi gli studi esclusivamente grazie all'aiuto totale dei genitori e di questi ben il 70% lo fa perché reputa lo studio una priorità da preservare contro ogni distrazione. C'è invece un 21% che confessa di voler lavorare, ma che a frenarlo sono proprio i genitori.Dall'indagine emerge anche che per il 62% degli studenti che lavorano, sono il desiderio di uscire dalla famiglia e la "voglia di crescer" le principali motivazioni che li spinge a cercare una fonte di reddito anche durante gli studi.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari