martedì 28 febbraio | 05:04
pubblicato il 23/nov/2011 15:23

Università/ Su tasse 33 atenei fuorilegge: 'Rubati 220 milioni'

Rischio ricorsi a raffica, in Lombardia il 40% degli esuberi

Università/ Su tasse 33 atenei fuorilegge: 'Rubati 220 milioni'

Roma, 23 nov. (askanews) - Non c'è solo l'Università di Pavia, condannata nei giorni scorsi dal Tar della Lombardia per aver superato sulle tasse universitarie il limite previsto dalla legge. In Italia sono in totale 33 gli atenei non in regola da questo punto di vista: in totale nel solo 2010 avrebbero incassato dai loro studenti circa 220 milioni di euro senza averne diritto. E' la denuncia dell'Unione degli Universitari, che aveva presentato il ricorso al Tribunale amministrativo sul caso di Pavia e che oggi ha reso noto un dossier sugli 'atenei fuorilegge': "Secondo i dati del Miur - spiega Michele Orezzi, coordinatore nazione dell'Udu - nel solo 2010 la parte fuorilegge delle tasse studentesche in tutta Italia è di circa 218 milioni di euro. Gli 1,7 milioni di euro che Pavia è stata condannata a risarcire ai suoi studenti sono solo la punta dell'iceberg di un 'tesoretto fuorilegge' evidentemente sottratto dalle tasche degli studenti e da quelle delle loro famiglie". L'Udu ha calcolato l'esubero fuorilegge di ogni ateneo oltre il tetto del 20% (rapporto tra la sommatoria di tutte le tasse studentesche e i fondi ministeriali che arrivano all'ateneo in questione) e anche il prelievo totale. Nella speciale classifica ci sono 33 atenei: al primo posto per il rapporto sproporzionato tra tasse e fondi pubblici si piazza l'Università di Urbino, una delle più antiche d'Europa, che supera del 16,57% (7,5 mln di euro) il limite del 20% imposto dalla legge. Seguono gli atenei di Bergamo (+16,52% di esubero, 5,8 mln) e Venezia 'Ca' Foscari' (+14%, 9,8 mln).Quanto invece al maggior esubero in euro intascati, al primo posto c'è l'Università di Milano (quarta negli esuberi in percenutale): ben 32 i milioni che secondo l'Udu sono stati rubati agli studenti nel 2010. Dopo Milano ci sono Bologna (28,9 mln, +7,4%) e Torino (21,1 mln, +8,3%). Emerge il dato degli atenei lombardi: tutti oltre il limite previsto dalla legge e da soli il il 37,6% (82 mln) del 'tesoretto' in questione. "Paradossalmente - fa notare l'Udu - quella con la percentuale minore è proprio l'università di Pavia". Secondo l'Udu nel 2011 la situazione sarebbe addirittura peggiorata e altri atenei oltre i 33 del 2010 avrebbero sfondato il tetto del 20%. A questo punto è possibile un effetto domino della sentenza del Tar di Milano, con ricorsi a catena contro le università non in regola. "I nostri ricorsi non sono mirati a mettere le università sul lastrico: il problema vero non siamo noi studenti - continua l'Udu - ma il taglio delle risorse per le università. Uscirne è semplice. La soluzione non è minacciare di togliere i servizi a noi studenti in caso di nuovi ricorsi: è necessario un maggior investimento su scuola, università pubblica, ricerca libera e nel diritto allo studio chiedendo un impegno concreto e urgente al nuovo Governo e del ministro Profumo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech