martedì 28 febbraio | 04:57
pubblicato il 12/set/2013 11:03

Universita': Marino, no al numero chiuso

(ASCA) - Roma, 12 set - ''Credo probabilmente che il numero chiuso, per facolta' come medicina ad esempio, sia un errore: o si seleziona anche con dei colloqui, che mi rendo conto introducono una discrezionalita' ma possono aiutare a scegliere la personalita', oppure il modo piu' semplice e' dare accesso a tutti e chiudere al secondo anno per chi non ha dimostrato profitto come accade negli altri paesi''. A dirlo il sindaco di Roma Ignazio Marino, rispondendo ai cronisti a margine della riconsegna del liceo Socrate distrutto da un incendio a luglio. Come spiegato da Marino: ''Per fare un buon medico il modo di selezione che abbiamo in questo momento e' sbagliato. Mi fiderei molto di piu', visto che oggi formiamo i medici di domani, di un medico che magari ha un voto basso in chimica e non sa rispondere a un quiz di una trasmissione tv e invece ha coltivato il sentimento importante per chi fa quel mestiere: la solidarieta'''.

bet/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech