giovedì 23 febbraio | 17:36
pubblicato il 06/nov/2013 18:43

Universita': Gilli, senza ricambio generazionale non c'e' competizione

(ASCA) - Torino, 6 nov - La zavorra delle Universita' italiane e' la mancanza di turn over. Lo ha sottolineato il rettore del Politecnico di Torino Marco Gilli, intervenendo oggi all'inaugurazione della due giorni italo-polacca in corso a Torino.

Gilli ha sottolineato che al Politecnico c'e' un'eta' media di 60 anni mentre il blocco del turn over e' lo stesso di quello di tutta la pubblica aministrazione, (una assunzione ogni cinque cessazioni, ndr),''ma c' e' differenza tra un ricercatore e un impiegato della pubblica amministrazione perche' la ricerca si fa da giovani''.

''Ci sono dei settori - ha aggiunto Gilli - come la matematica dove per prendere premi non bisogna aver superato i 40anni. E si sa che dopo non si fanno piu' cose importanti.

Se noi non siamo capaci di creare nel sistema della ricerca e delle universita' un ricambio generazionale non saremo in grado di affrontare la competizione'', ha concluso il rettore.

eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech