domenica 22 gennaio | 23:54
pubblicato il 04/feb/2013 20:56

Unicef: in Siria accesso all'acqua pulita per 10 mln persone

Unicef: in Siria accesso all'acqua pulita per 10 mln  persone

(ASCA) - Roma, 4 feb - E' in corso in Siria una grande operazione per garantire l'accesso all'acqua pulita per piu' di 10 milioni di persone - quasi la meta' della popolazione.

Lo ha dichiarato oggi l'UNICEF.

Domenica i primi quattro camion con 80 tonnellate di forniture di ipoclorito di sodio per trattamenti idrici hanno attraversato il confine dalla Giordania alla Siria, in direzione Homs, Aleppo, Hama e Idleb. Nelle prossime settimane, l'UNICEF fornira' 1.000 tonnellate di cloro per le citta' e le comunita' dei 14 governatorati in Siria.

L'operazione avviene in un momento di crescente preoccupazione per l'impatto che 23 mesi di conflitto hanno avuto sulle stazioni in cui viene pompata l'acqua e su altre infrastrutture vitali - e per le implicazioni sulla salute dei bambini. I rapporti dicono che la qualita' e la quantita' delle risorse idriche continua a deteriorarsi in diverse parti del paese e in alcune zone severamente colpite.

''Questi aiuti sono di fondamentale importanza, perche' le forniture di cloro in Siria sono pericolosamente diminuite e l'accesso all'acqua potabile e' diventato ormai difficile per molte famiglie'', ha detto Abdel-Youssouf Jelil, Rappresentante dell'UNICEF in Siria. ''Cio' espone la popolazione - e in particolare i bambini - ad un alto rischio di contrarre diarrea ed altre malattie causate dall'acqua''.

L'operazione e' condotta in coordinamento con il Dipartimento tecnico del Ministero delle Risorse Idriche e la Mezza Luna Rossa Araba Siriana.

Come parte della risposta umanitaria in Siria per i settori acqua, igiene e servizi igienico-sanitari, l'UNICEF sta supportando l'operazione e la manutenzione dei sistemi idrici, attraverso la distribuzione di aiuti e forniture per la clorazione. L'organizzazione della Nazioni Unite continua a lavorare con i suoi partner per migliorare l'accesso ai servizi igienico-sanitari per mezzo milione di persone e fornire kit igienici e di educazione all'igiene per 750.000 persone.

L'UNICEF ha lanciato un appello per 22,5 milioni di dollari per assicurare - tra gennaio e giugno 2013 - assistenza salva-vita in Siria nei settori dell'acqua e dei servizi igienici. Ricevuti fino ad ora solo 4,8 milioni di dollari.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4