sabato 25 febbraio | 18:00
pubblicato il 21/set/2012 15:17

Un ruota panoramica divide Torino, sorgerà al Valentino

Il progetto finanziato da privati, c'è chi teme per ambiente

Un ruota panoramica divide Torino, sorgerà al Valentino

Torino (askanews) - Sorgerà nel Parco del Valentino, su questo prato, la ruota panoramica che divide Torino. Il capoluogo piemontese potrebbe essere la prima città italiana ad avere nel suo skyline la struttura già è simbolo di molte città europee, Londra in testa con l'imponente "London Eye".Il progetto, circa 9 milioni di euro, verrà finanziato interamente da un gruppo di imprenditori privati, guidati da Fulvio Pelucchi, nipote del fondatore di Gardaland.Il Comune rassicura, non si tratterà di un'installazione permanente ma la città è divisa. Emilio Soave, vicepresidente Associazione Pro Natura Torino spiega le ragioni del no, "è un parco storico che rischi di trasformarsi in Luna Park"Guido Alessandro Gozzi è consigliere di circoscrizione e promotore del gruppo Facebook Comitato pro ruota panoramica del Valentino. "Non costerà un centesimo di soldi pubblici - dice - e sono convinto che porterà benefici". La ruota sarà alta circa 60 metri, il London Eye arriva a 135, potrà trasportare circa 300 persone e creerà direttamente circa 25 posti di lavoro.

Gli articoli più letti
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech