sabato 25 febbraio | 15:35
pubblicato il 20/lug/2011 09:06

Un'installazione contro la mafia, così Catania ricorda Borsellino

L'opera di Arturo Giusto a 19 anni da via D'Amelio

Un'installazione contro la mafia, così Catania ricorda Borsellino

Due auto che si scontrano: con questa immagine Catania ricorda la strage di via D'Amelio, dove il 19 luglio 1992 morirono Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Un'installazione di Arturo Giusto, realizzata nel cuore della città tra corso delle Province e corso Europa: Cosimo Coltraro dell'associazione Gruppo Azione Risveglio ne spiega il significato.L'evento nasce dal Web, su Facebook, come spiega l'avvocato Salvo Grillo. L'obiettivo è portare un segnale di cambiamento nel capoluogo etneo.

Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech