mercoledì 18 gennaio | 05:38
pubblicato il 20/lug/2011 09:06

Un'installazione contro la mafia, così Catania ricorda Borsellino

L'opera di Arturo Giusto a 19 anni da via D'Amelio

Un'installazione contro la mafia, così Catania ricorda Borsellino

Due auto che si scontrano: con questa immagine Catania ricorda la strage di via D'Amelio, dove il 19 luglio 1992 morirono Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Un'installazione di Arturo Giusto, realizzata nel cuore della città tra corso delle Province e corso Europa: Cosimo Coltraro dell'associazione Gruppo Azione Risveglio ne spiega il significato.L'evento nasce dal Web, su Facebook, come spiega l'avvocato Salvo Grillo. L'obiettivo è portare un segnale di cambiamento nel capoluogo etneo.

Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa