mercoledì 07 dicembre | 10:36
pubblicato il 20/lug/2011 09:06

Un'installazione contro la mafia, così Catania ricorda Borsellino

L'opera di Arturo Giusto a 19 anni da via D'Amelio

Un'installazione contro la mafia, così Catania ricorda Borsellino

Due auto che si scontrano: con questa immagine Catania ricorda la strage di via D'Amelio, dove il 19 luglio 1992 morirono Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. Un'installazione di Arturo Giusto, realizzata nel cuore della città tra corso delle Province e corso Europa: Cosimo Coltraro dell'associazione Gruppo Azione Risveglio ne spiega il significato.L'evento nasce dal Web, su Facebook, come spiega l'avvocato Salvo Grillo. L'obiettivo è portare un segnale di cambiamento nel capoluogo etneo.

Gli articoli più letti
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Camorra
Controllo piazze spaccio nel Salernitano: 21 ordinanze cautelari
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni