mercoledì 22 febbraio | 02:37
pubblicato il 06/giu/2013 14:06

Umbria: Questura, rimpatrio ''lampo'' in aereo per corriere albanese

(ASCA) - Perugia, 6 giu - Dal Carcere perugino di Capanne a Tirana in 6 ore, passando per l'Aeroporto ''San Francesco d'Assisi'. E' quanto accaduto nel pomeriggio di ieri ad un trafficante internazionale di stupefacenti F. E., 27enne, albanese, da tempo residente a Parma, arrivato a Perugia nel circuito carcerario. L'operazione, sottolinea una nota della Questura di Perugia e' il risultato della pianificazione operata con la Polizia Penitenziaria che aveva provveduto a comunicare con largo anticipo la data di scarcerazione dello straniero. Lo stesso aveva scontato una condanna a 4 anni e tre mesi per traffico internazionale di stupefacenti stroncato dalla Guardia di Finanza della citta' emiliana. In pratica l'uomo dopo l'uscita dal Carcere, il trasferimento in Questura, il fotosegnalamento e confronto AFIS delle impronte, nel giro di due ore, e' stato destinatario del provvedimento di espulsione e udienza di convalida dal giudice di Pace.

pg/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia