mercoledì 07 dicembre | 21:41
pubblicato il 21/set/2013 16:35

Ue/Cultura: Bracco, dossier Perugia2019 fa ampliare visione territorio

(ASCA) - Perugia, 21 set - ''Essere riusciti a comporre il dossier rappresenta non solo un atto formale nel percorso verso il titolo, ma soprattutto la base su cui costruire una visione del futuro per l'intera regione, al di la' del risultato di gara su cui, personalmente, sono fiducioso''.

Cosi' l'assessore alla cultura delle regione Umbria Fabrizio Bracco ha commentato l'avvenuta consegna del dossier con cui ''Perugia 2019 con i luoghi di Francesco d'Assisi e dell'Umbria'' si candida formalmente a Capitale Europea della Cultura per il 2019. Il lavoro progettuale ha varcato le porte del Ministero per i beni e le attivita' culturali ed e' in attesa di essere messo al vaglio dalla commissione europea insieme alle altre aspiranti al titolo.

''La regione Umbria ha sostenuto con convinzione l'avventura con Perugia e Assisi, comuni promotori dell'iniziativa ai quali se ne sono aggiunti altri. Riteniamo che la candidatura sia una grande opportunita' - ha aggiunto Bracco - perche' obbliga tutti, amministratori, cittadini, tecnici della Fondazione Perugiassisi 2019, ad ampliare la visione sul territorio, puntando sulla cultura, da vedere non solo come un programma di iniziative ma l'insieme di conoscenza, sviluppo sociale-economico e valorizzazione del patrimonio''. Parlando di risultati l'Assessore ha aggiunto che ''il primo a cui bisogna fare riferimento in quest'avventura e' il metodo innovativo che guida la realizzazione del progetto e cioe' lo sguardo futuro per lo sviluppo culturale, economico, sociale dell'Umbria''. Ad oggi sono almeno 14 le citta' che come Perugia hanno ufficializzato la loro candidatura depositando il progetto negli uffici del Mibac, quali Matera, Siena, Pisa, Aosta, Ravenna, Venezia, Lecce, L'Aquila, Palermo, Taranto, Urbino, Mantova, Bergamo, Cagliari. A designare la prescelta sara' una commissione di 13 membri, di cui sei designati dal ministero dei Beni Culturali e sette dalla Com- missione Europea. La Commissione effettuera' una valutazione dei progetti, assistera' alle loro presentazioni e selezionera' le citta' finaliste. Il termine per la presentazione dei dossier di candidatura e' scaduto venerdi' 20 settembre. Nei prossimi mesi la Commissione individuera' una rosa ristretta di citta' finaliste. Tra di esse, nel giro di un altro anno sara' stabilita la vincitrice. Passeranno dunque circa due anni da ora per la decisione finale. Le citta' ammesse alla lista breve saranno invitate a presentare una domanda di candidatura piu' elaborata per la procedura di selezione vera e propria. Intanto il 27 settembre, il dossier con il quale Perugia si candida a diventare Capitale Europea della cultura verra' presentato alla Sala dei Notari, ad aprire una tre giorni di iniziative che prendono il nome di ''Siamo tutti Capitale''. pg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni