martedì 21 febbraio | 16:13
pubblicato il 21/set/2013 16:35

Ue/Cultura: Bracco, dossier Perugia2019 fa ampliare visione territorio

(ASCA) - Perugia, 21 set - ''Essere riusciti a comporre il dossier rappresenta non solo un atto formale nel percorso verso il titolo, ma soprattutto la base su cui costruire una visione del futuro per l'intera regione, al di la' del risultato di gara su cui, personalmente, sono fiducioso''.

Cosi' l'assessore alla cultura delle regione Umbria Fabrizio Bracco ha commentato l'avvenuta consegna del dossier con cui ''Perugia 2019 con i luoghi di Francesco d'Assisi e dell'Umbria'' si candida formalmente a Capitale Europea della Cultura per il 2019. Il lavoro progettuale ha varcato le porte del Ministero per i beni e le attivita' culturali ed e' in attesa di essere messo al vaglio dalla commissione europea insieme alle altre aspiranti al titolo.

''La regione Umbria ha sostenuto con convinzione l'avventura con Perugia e Assisi, comuni promotori dell'iniziativa ai quali se ne sono aggiunti altri. Riteniamo che la candidatura sia una grande opportunita' - ha aggiunto Bracco - perche' obbliga tutti, amministratori, cittadini, tecnici della Fondazione Perugiassisi 2019, ad ampliare la visione sul territorio, puntando sulla cultura, da vedere non solo come un programma di iniziative ma l'insieme di conoscenza, sviluppo sociale-economico e valorizzazione del patrimonio''. Parlando di risultati l'Assessore ha aggiunto che ''il primo a cui bisogna fare riferimento in quest'avventura e' il metodo innovativo che guida la realizzazione del progetto e cioe' lo sguardo futuro per lo sviluppo culturale, economico, sociale dell'Umbria''. Ad oggi sono almeno 14 le citta' che come Perugia hanno ufficializzato la loro candidatura depositando il progetto negli uffici del Mibac, quali Matera, Siena, Pisa, Aosta, Ravenna, Venezia, Lecce, L'Aquila, Palermo, Taranto, Urbino, Mantova, Bergamo, Cagliari. A designare la prescelta sara' una commissione di 13 membri, di cui sei designati dal ministero dei Beni Culturali e sette dalla Com- missione Europea. La Commissione effettuera' una valutazione dei progetti, assistera' alle loro presentazioni e selezionera' le citta' finaliste. Il termine per la presentazione dei dossier di candidatura e' scaduto venerdi' 20 settembre. Nei prossimi mesi la Commissione individuera' una rosa ristretta di citta' finaliste. Tra di esse, nel giro di un altro anno sara' stabilita la vincitrice. Passeranno dunque circa due anni da ora per la decisione finale. Le citta' ammesse alla lista breve saranno invitate a presentare una domanda di candidatura piu' elaborata per la procedura di selezione vera e propria. Intanto il 27 settembre, il dossier con il quale Perugia si candida a diventare Capitale Europea della cultura verra' presentato alla Sala dei Notari, ad aprire una tre giorni di iniziative che prendono il nome di ''Siamo tutti Capitale''. pg/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia