sabato 25 febbraio | 10:23
pubblicato il 10/gen/2014 17:13

Ue: Italia tra i migliori nell'orientare studenti a esperienze estere

Ue: Italia tra i migliori nell'orientare studenti a esperienze estere

(ASCA) - Roma, 10 gen 2014 - ''I migliori sistemi di sostegno pubblico per spronare e informare gli studenti dell'istruzione superiore sulle opportunita' di studio o formazione all'estero sono in vigore in Italia, Germania, Belgio, Spagna e Francia''.

E' quanto emerge - riferisce una nota - dal primo ''Quadro di valutazione della mobilita''' dell'Ue. ''L'Ue ha notevolmente aumentato i finanziamenti destinati alla mobilita' nell'ambito del suo nuovo programma Erasmus+'', sottolinea Androulla Vassiliou, commissaria europea per l'Istruzione, la Cultura, il Multilinguismo e la Gioventu'. ''Il quadro di valutazione della mobilita' - prosegue - ci consente di vedere per la prima volta in che modo i paesi riescono a creare un ambiente favorevole alla mobilita' studentesca e di individuare gli ambiti in cui si potrebbe fare di piu'''.

Il quadro di valutazione della mobilita' - sviluppato da Eurydice, una rete di unita' nazionali coordinate dall'Agenzia esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eacea) - comprende tutti i 28 Stati membri dell'Ue nonche' l'Islanda, la Norvegia, il Liechtenstein e la Turchia. E' una prima sintesi dei fattori evocati nella raccomandazione del Consiglio del 2011 sulla mobilita' dell'apprendimento e costituira' la base per un futuro monitoraggio congiunto a livello dell'Ue nel raffronto con il prossimo aggiornamento del quadro previsto per il 2015.

L'analisi si concentra su cinque fattori essenziali: Informazione e orientamento sulle opportunita' di mobilita'; Portabilita' dei sussidi agli studenti; Conoscenza delle lingue straniere; Riconoscimento degli studi all'estero; Sostegno agli studenti provenienti da contesti svantaggiati.

L'Italia si distingue, in particolare, su questo ultimo punto e nella capacita' di orientamento degli studenti verso le migliori poortunita' di formazione all'estero. Per quanto riguarda le lingue straniere, il nostro Paese si difende per lo studio della prima lingua e si piazza meno bene per quello della seconda.

com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech