domenica 04 dicembre | 17:10
pubblicato il 07/feb/2013 18:33

Ue: Federconsumatori, bene misure per trasparenza etichette olio

(ASCA) - Roma, 7 feb - ''Apprezziamo i provvedimenti tesi a rendere piu' trasparente e chiara l'etichetta sull'olio d'oliva, illustrati oggi dal miniostro Catania. Un obiettivo che rivendichiamo da tempo con impegno e determinazione, ma che non deve rimanere circoscritto all'olio''. Lo dichiara Rosario Trefiletti, presidente di Federconsumatori.

''Tutti i prodotti alimentari devono essere dotati di un'etichettatura chiara, comprensibile - aggiunge - che riporti tutte le informazioni necessarie per garantire la sicurezza alimentare dei cittadini: a partire dall'indicazione d'origine obbligatoria. Riteniamo che sia un diritto naturale del cittadino conoscere con esattezza cosa porta in tavola. Da anni ci battiamo perche' questo diritto venga tutelato pienamente. Di fronte alla necessita' di preservare l'integrita' dei cittadini, non ci sono 'ostacoli' di carattere meramente economico che tengano''.

''Per questo - conclude Trefiletti - e' fondamentale rendere immediatamente operativa la legge approvata con grande condivisione nel 2011, che prevede, appunto, l'indicazione in etichetta dell'origine per tutti gli alimenti. Una misura estremamente necessaria anche per tutelare e promuovere la crescita di un settore chiave della nostra economia: il made in Italy''. com/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari