lunedì 16 gennaio | 14:24
pubblicato il 04/feb/2011 19:10

Uccide il padre nel Vibonese: "Non sopportavo picchiasse mamma"

Ipotesi sul movente dell'omicidio di Nicotera Marina

Uccide il padre nel Vibonese: "Non sopportavo picchiasse mamma"

"Non sopportavo che picchiasse mamma". Sono queste le uniche parole che il quindicenne di Nicotera nel Vibonese ha detto agli inquirenti subito dopo l'arresto per l'omicidio del padre, prima di chiudersi nel silenzio. Forse voleva difendere la madre e i due fratelli più piccoli dai continui soprusi dell'uomo: potrebbe infatti essere questo il movente del terribile delitto di Nicotera Marina. Il ragazzo ha colpito il genitore, Domenico Piccolo di 52 anni, con almeno cinque coltellate di cui due mortali. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il ragazzo e un coetaneo di origini polacche sono entrati nell'abitazione di Piccolo con il volto coperto da passamontagna e, simulando una rapina, hanno colpito l'uomo con numerosi fendenti alla schiena ed al torace.

Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%