sabato 03 dicembre | 08:00
pubblicato il 04/feb/2011 19:10

Uccide il padre nel Vibonese: "Non sopportavo picchiasse mamma"

Ipotesi sul movente dell'omicidio di Nicotera Marina

Uccide il padre nel Vibonese: "Non sopportavo picchiasse mamma"

"Non sopportavo che picchiasse mamma". Sono queste le uniche parole che il quindicenne di Nicotera nel Vibonese ha detto agli inquirenti subito dopo l'arresto per l'omicidio del padre, prima di chiudersi nel silenzio. Forse voleva difendere la madre e i due fratelli più piccoli dai continui soprusi dell'uomo: potrebbe infatti essere questo il movente del terribile delitto di Nicotera Marina. Il ragazzo ha colpito il genitore, Domenico Piccolo di 52 anni, con almeno cinque coltellate di cui due mortali. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il ragazzo e un coetaneo di origini polacche sono entrati nell'abitazione di Piccolo con il volto coperto da passamontagna e, simulando una rapina, hanno colpito l'uomo con numerosi fendenti alla schiena ed al torace.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari