lunedì 27 febbraio | 06:15
pubblicato il 04/feb/2011 19:10

Uccide il padre nel Vibonese: "Non sopportavo picchiasse mamma"

Ipotesi sul movente dell'omicidio di Nicotera Marina

Uccide il padre nel Vibonese: "Non sopportavo picchiasse mamma"

"Non sopportavo che picchiasse mamma". Sono queste le uniche parole che il quindicenne di Nicotera nel Vibonese ha detto agli inquirenti subito dopo l'arresto per l'omicidio del padre, prima di chiudersi nel silenzio. Forse voleva difendere la madre e i due fratelli più piccoli dai continui soprusi dell'uomo: potrebbe infatti essere questo il movente del terribile delitto di Nicotera Marina. Il ragazzo ha colpito il genitore, Domenico Piccolo di 52 anni, con almeno cinque coltellate di cui due mortali. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, il ragazzo e un coetaneo di origini polacche sono entrati nell'abitazione di Piccolo con il volto coperto da passamontagna e, simulando una rapina, hanno colpito l'uomo con numerosi fendenti alla schiena ed al torace.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech