venerdì 24 febbraio | 21:33
pubblicato il 06/gen/2014 18:28

Tv: Aiart, 2014 sia anno senza spot per gioco d'azzardo

(ASCA) - Roma, 6 gen 2014 - ''Il 2014 sia l'anno in cui gli spot del gioco d'azzardo vengano banditi dalla tv, quanto meno nel prime time. La delega fiscale interviene in tal senso, non sia snaturata e diventi subito norma vigente''. Lo afferma Luca Borgomeo, presidente dell'associazione di tele spettatori cattolici Aiart.

Per Borgomeo, ''se il gioco fa male, non c'e' motivo per cui la tv, soprattutto la tv pubblica, debba resistere nel fare la pubblicita'. Si inizia con forme di gioco d'azzardo che non determinano grande interesse. Poi come con la droga, si avverte la necessita' di aumentare le dosi, e si passa a giochi molto piu' pericolosi che hanno conseguenze sulla salute e sulla situazione patrimoniale - conclude il presidente dell'Aiart -. E quindi, e' evidente che bisogna intervenire subito per evitare che la pubblicita' si avvii verso questo processo negativo, soprattutto per i giovani''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech