lunedì 27 febbraio | 10:56
pubblicato il 19/feb/2014 15:51

Tutto il mondo in un dito grazie all'anello hitech

Trasforma la mano in un telecomando universale

Tutto il mondo in un dito grazie all'anello hitech

Milano (askanews) - Tutto il mondo in un dito grazie all'anello che trasforma la mano in un telecomando a distanza universale. "Fin", il prototipo della RHL Vision potrebbe presto diventare realtà grazie al successo della raccolta fondi sul sito di crowdfunding "Indiegogo" che ha raggiunto l'obiettivo di 100mila dollari, superandolo anche prima del previsto.L'anello si indossa sul pollice da dove grazie al bluetooth può interagire con qualsiasi genere di dispositivo, la televisione, lo smartphone, lo stereo della macchina, il lettore mp3, trasformando il palmo della mano in tastiera e touch screen.Con una configurazione iniziale ad ogni falange, ad ogni porzione della mano può essere assegnata una specifica azione. Gli ideatori hanno anche annunciato che se verranno raggiunti i 150mila dollari l'anello verrà venduto ad un prezzo più basso ai non vedenti.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech