lunedì 27 febbraio | 21:42
pubblicato il 02/set/2013 12:00

Turismo/ San Vito lo Capo, anche gli Usa al 16mo Cous Cous Fest

Per la prima volta in gara con altri 8 paesi

Turismo/ San Vito lo Capo, anche gli Usa al 16mo Cous Cous Fest

Roma, 2 set. (askanews) - Gli Stati Uniti d'America parteciperanno per la prima volta al Cous Cous Fest, il Festival internazionale dell'integrazione culturale, giunto alla 16esima edizione, che si svolgerà dal 24 al 29 settembre prossimi a San Vito Lo Capo (Trapani). Gli Usa, rappresentati da Maziar Farivar, chef e comproprietario del ristorante Peacock Cafe' a Georgetown Washington, prenderanno parte alla gara gastronomica internazionale che vede confrontarsi chef provenienti da 9 Paesi. Maziar Farivar fa parte dell'American Chef Corps, un gruppo di circa 90 chef professionisti istituito dall'ex segretario di Stato americano Hillary Clinton con lo scopo di utilizzare il cibo e le tradizioni culinarie come nuovo strumento di diplomazia e di integrazione tra i popoli. "E' un onore per noi - ha detto Colombia Barrosse, Console generale degli Stati Uniti d'America a Napoli - essere stati invitati al Cous Cous Fest. Gli Stati Uniti sono un Paese fondato sull'immigrazione, in cui persone provenienti da Paesi diversi hanno introdotto culture e tradizioni diverse, soprattutto culinarie. Anche il cous cous è uno dei tanti fili che compongono la tela della nostra nazione, e il festival rappresenta per noi l'opportunità di mostrare, tramite le ricette di Maziar Farivar, una delle nostre caratteristiche principali, il multiculturalismo". Alla competizione a base di cous cous quest'anno parteciperanno Costa d'Avorio, Francia, Israele, Italia, Marocco, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia Per l'Italia in gara la sanvitese Antonella Pace, chef all'hotel "Mediteraneo" di San Vito Lo Capo, capo delegazione, ed Emanuele Russo, chef di Marsala dove lavora al ristorante "Le Lumie", vincitore delle sfide eliminatorie svolte in occasione del Cous Cous Fest Preview. Una giuria tecnica, presieduta da Roberto Perrone, scrittore e giornalista del Corriere della sera, insieme ad una giuria popolare valuterà i piatti in gara. La giuria tecnica, formata da giornalisti, chef ed esperti, vede la partecipazione dello chef stellato Giancarlo Morelli nel suo ruolo di consulente del Pomiroeu Marrakech, di Chiara Maci blogger e volto di diversi programmi televisivi, del caporedattore della Gazzetta dello sport, Daniele Miccione, di Leonardo Romanelli, giornalista e protagonista di "Chef per un giorno" su La7, di Fernanda Roggero de Il Sole 24Ore e del giornalista americano dell'agenzia di stampa Reuters, Philip Pullella.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech