mercoledì 22 febbraio | 00:21
pubblicato il 29/gen/2015 19:28

Turandot il primo maggio, appello di Pisapia a dipendenti Scala

Scelta legittima di non lavorare "può essere rivalutata"

Turandot il primo maggio, appello di Pisapia a dipendenti Scala

Milano (askanews) - Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha rivolto un nuovo appello alla "riflessione" ai dipendenti del Teatro alla Scala che non intendono timbrare il cartellino il primo maggio, giorno della festa del lavoro, ma anche della prima della Turandot in onore dei capi di Stato attesi a Milano per l'inauguraziine dell'Expo 2015. "Chiaramente è una scelta del tutto legittima, ma ritengo che forse possa essere rivalutata dai lavoratori della Scala. Sappiamo tutto che il primo maggio è una giornata fondamentale anche per il lavoro e l'occupazione, quindi anche per l'uscita dalla crisi. Io faccio appello a una riflessione, voglio dire a chi ha dubbi che Palazzo Marino e il sindaco sono sempre disponibili al dialogo" ha detto Pisapia a margine della prsentazione di un accordo con gli esercenti su Expo 2015.

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia