sabato 10 dicembre | 08:00
pubblicato il 06/gen/2014 18:05

Tumori: scoperto a Milano come identificare rischio recidiva melanoma

Tumori: scoperto a Milano come identificare rischio recidiva melanoma

(ASCA) - Milano, 6 gen 2014 - Nei pazienti affetti da melanoma l'analisi molecolare dei ''linfonodi sentinella'' (i linfonodi piu' vicini all'area del tumore e piu' a rischio di metastasi) puo' identificare i casi a maggior rischio di recidiva nei 5 anni successivi all'intervento chirurgico di rimozione dello stesso. Queste informazioni non vengono dal tumore ma dalle nostre difese immunitarie. E' questa - spiega una nota - la novita' di uno studio pilota condotto dal gruppo di ricerca guidato da Monica Rodolfo, biologa dell'Unita' di Immunoterapia dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, pubblicato sulla rivista scientifica Cancer Research. Lo studio, basato sull'analisi dei profili di espressione genica in biopsie di linfonodo sentinella di pazienti con melanoma, il tumore della pelle piu' pericoloso, dimostra come l'aggressivita' della malattia, che determina se il paziente sara' guarito dopo la chirurgia o avra' una successiva recidiva, non dipende dalle caratteristiche del tumore bensi' da quelle della risposta immunitaria. Un risultato che testimonia che le nostre difese immunitarie sono in grado di condizionare il decorso della malattia anche nel caso dei tumori. Tra i marcatori identificati nello studio vi e' la molecola CD30, che risulta piu' espressa nelle cellule immunitarie linfonodali e in quelle circolanti dei pazienti con malattia aggressiva. Queste cellule mostrano una funzione alterata e sono segno di immunosoppressione o di esaurimento dell'immunita' antitumore.

''Questo studio - commenta Marco Pierotti direttore scientifico dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano - si colloca nella tradizione di ricerca immunologica e di immunoterapia dei tumori, caratteristica di questo Istituto, ma integrata da innovativi approcci molecolari volti a comprendere i complessi rapporti che si instaurano tra il tumore e l'organismo che lo ospita. Riconoscere in ciascun paziente se il suo sistema immunitario reagisce al melanoma o lo subisce, consentira' di modulare gli interventi per ottimizzare efficacia terapeutica e corretta allocazione di risorse economiche''. Lo sviluppo clinico di queste informazioni potrebbe consentire di identificare quali pazienti, dopo l'intervento chirurgico, abbiano un elevato rischio di recidiva e necessitino quindi di ulteriori terapie, evitando invece un trattamento inutile e tossico ai pazienti guariti dalla chirurgia. ''La molecola CD30 - spiega Monica Rodolfo - potrebbe diventare un nuovo bersaglio terapeutico per i pazienti con melanoma. Essendo gia' disponibili farmaci che agiscono su questo marcatore CD30, e' possibile immaginare che questa nuova strategia terapeutica possa essere studiata nei pazienti in tempi relativamente brevi''.

Lo studio pilota ha esaminato con analisi di genomica i linfonodi sentinella di 42 pazienti affetti da melanoma con differente aggressivita' della malattia.

Lo studio e' stato finanziato dall'Associazione Italiana per la ricerca sul Cancro (Airc) e dal Ministero della Salute.

com-stt/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina