sabato 03 dicembre | 01:31
pubblicato il 18/giu/2013 16:15

Tumori: Oncologi Aiom, in Sicilia tagli pesano sulla qualita' delle cure

Tumori: Oncologi Aiom, in Sicilia tagli pesano sulla qualita' delle cure

(ASCA) - Catania, 18 giu - Per il 90% degli oncologi siciliani, i tagli alla sanita' nella Regione potrebbero incidere sulle capacita' di curare al meglio i pazienti con cancro. Il 92% utilizza farmaci biotecnologici efficaci contro la gran parte dei tumori. E il 62% ritiene che la decisione sull'eventuale sostituibilita' con i biosimilari, prodotti simili ma non uguali ai piu' complessi originali biotech, debba essere di esclusiva competenza dello specialista. I dati emergono dal sondaggio condotto dall'Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) fra i soci della Sicilia e presentato nel seminario ''Biosimilari da anticorpi monoclonali in oncologia. La sicurezza del paziente prima di tutto'', che si svolge oggi a Catania all'Ospedale Garibaldi. E' il secondo di un tour nazionale che prevede nove incontri regionali promossi dall'AIOM con il patrocinio della SIFO (Societa' Italiana di Farmacia Ospedaliera) e della SIF (Societa' Italiana di Farmacologia).

All'indagine, che si e' chiusa il 12 giugno, ha risposto circa il 45% di tutti gli oncologi che operano in regione. In Sicilia ogni anno i tumori fanno registrare 16.550 nuove diagnosi e 10.000 decessi (stime 2010).

Il livello di conoscenza dei biosimilari nell'isola e' superiore rispetto alla media nazionale.

Infatti nella Regione il 68% degli specialisti ne da' una definizione corretta (vs 24%). Sempre alta l'attenzione per il problema della contrazione delle risorse disponibili. E per il 68% la prossima introduzione dei biosimilari di anticorpi monoclonali puo' favorire il contenimento dei costi, anche se il 26% sostiene sia piu' utile cercare margini di risparmio in altre voci di spesa. Il tema della sicurezza per i pazienti resta centrale. Per il 38% degli specialisti infatti le maggiori criticita' legate all'uso dei biosimilari derivano dal fatto che diversa potrebbe essere l'efficacia rispetto all'originatore, per il 20% potrebbero avere un diverso grado di immunogenicita', per il 12% possono scatenare allergie, mentre il 30% degli intervistati non ravvede alcuna criticita' connessa al loro utilizzo. ''I biosimilari attualmente disponibili, ad esempio le eritropoietine e gli ormoni della crescita di cui abbiamo esperienza clinica - afferma Carmelo Iacono, presidente della Fondazione AIOM -, derivano da composti originatori con struttura biologica piu' semplice rispetto a quanto non siano gli originatori degli anticorpi monoclonali, i cui prodotti biosimilari saranno commercializzati nei prossimi anni. Con il tour itinerante in nove Regioni vogliamo migliorare il livello di informazione dei clinici e dei farmacisti ospedalieri, confrontarci insieme con gli uffici dell'assessorato alla sanita' con l'obiettivo di fornire ai clinici ed agli amministratori strumenti utili nella pratica quotidiana''. Per il 44% degli oncologi siciliani i biosimilari di anticorpi monoclonali sono piu' complessi di quelli oggi disponibili, richiedono processi di vigilanza piu' accurati e appositi registri e studi clinici con endpoint validati. La difficolta' nel riprodurre i biotech cresce in maniera proporzionale alla complessita' dell'originator. Pero' il 26% degli oncologi siciliani ritiene che non vi siano differenze fra i biosimilari di anticorpi monoclonali e quelli oggi in commercio. ''Questo dato dimostra l'importanza delle campagne di sensibilizzazione - sottolinea Achille Caputi, professore ordinario di Farmacologia all'Universita' di Messina -.

Ancora troppi ignorano che copiare un biotech non e' come produrre un 'generico'''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari