giovedì 08 dicembre | 15:46
pubblicato il 02/lug/2013 19:30

Tumori: nuovo meccanismo ne blocca crescita attivando difese immunitarie

Tumori: nuovo meccanismo ne blocca crescita attivando difese immunitarie

(ASCA) - Roma, 2 lug - Si puo' attivare il sistema immunitario dell'organismo e bloccare la crescita tumorale bloccando le ''code' dei cromosomi. Lo ha dimostrato il lavoro del gruppo di ricerca di Annamaria Biroccio, del laboratorio di Chemioterapia Sperimentale del Regina Elena, svelando un importante ruolo della proteina telomerica TRF2 nell'oncogenesi e identificando cosi' un nuovo bersaglio molecolare per terapie selettive contro il cancro. La prestigiosa rivista internazionale Nature Cell Biology ha di recente pubblicato i risultati.

I telomeri sono porzioni di DNA che si trovano alle estremita' dei cromosomi e per la loro funzione possono essere considerati l'orologio biologico della cellula. Si accorciano ogni volta che la cellula si divide finche', divenuti criticamente corti, inducono un blocco della duplicazione ed avviano la cellula verso un processo di senescenza. Questo fenomeno del tutto normale connesso con l'invecchiamento cellulare e' contrastato dalla telomerasi, un enzima in grado di sintetizzare nuove sequenze telomeriche, allungando di fatto la vita cellulare e la cui scoperta sta a fondamento dell'assegnazione del nobel della medicina 2009. Nelle cellule tumorali la telomerasi continua ad agire con efficienza rendendole sempre giovani e ''immortali'', mentre nelle cellule normali con gli anni si indebolisce fino a sparire. Si intuisce pertanto come gli studi sulla telomerasi e/o sui telomeri possano offrire filoni di ricerca interessanti per influenzare il processo di invecchiamento delle cellule tumorali. ''La ricerca del gruppo da me coordinato - spiega Biroccio - studia i telomeri e i suoi componenti, telomerasi e proteine telomeriche, quali potenziali bersagli terapeutici per il trattamento dei tumori umani. La novita' dello studio e' legata al meccanismo d'azione attraverso cui viene modulata la tumorigenicita'. Abbiamo dimostrato che l'inibizione di TRF2 e' in grado di bloccare la crescita tumorale, non attraverso meccanismi intrinseci legati alla disfunzione del telomero (attivazione di apoptosi e/o induzione di senescenza), ma attivando le difese immunitarie ed in particolare le cellule Natural Killer. Pertanto TRF2 puo' essere un importante bersaglio molecolare per terapie antitumorali.'' Il lavoro si e' svolto grazie ai fondi dell'Associazione Italiana Ricerca sul Cancro (AIRC).

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni