lunedì 05 dicembre | 11:59
pubblicato il 13/mag/2013 20:34

Tumori: non fanno piu' paura i nei palmo-plantari.Torna Euromelanoma Day

Tumori: non fanno piu' paura i nei palmo-plantari.Torna Euromelanoma Day

(ASCA) - Roma, 13 mag - Buone notizie dalla ricerca: non fanno piu' paura i nei sul palmo della mano e sulla pianta dei piedi. E' quanto emerge dallo studio in corso di pubblicazione condotto dalla Clinica Dermatologica dell'Universita' dell'Aquila che, in un'analisi retrospettiva, ha classificato gli aspetti demoscopici e i cambiamenti nel tempo di 75 nevi congeniti o acquisiti di mani e piedi, in pazienti di eta' compresa tra 0 e 18 anni. I dati emersi hanno dimostrato che, in oltre il 60% dei casi, questi nevi sono cambiati nel tempo, principalmente riducendo la pigmentazione e regredendo; inoltre, le lesioni sospette, che sono state asportate, sono risultate forme benigne all'esame istologico.

I nevi di bambini e adolescenti localizzati in regione palmo-plantare, quindi, non devono necessariamente essere sottoposti a monitoraggi intensivi o addirittura asportati chirurgicamente sulla base della sola osservazione clinica o del timore di possibile degenerazioni dopo traumi ripetuti.

Questa Ricerca e' una delle novita' scientifiche dell'Euromelanoma Day 2013, la campagna europea di informazione sul melanoma e sui tumori della pelle, promossa nel nostro Paese dalla SIDeMaST - Societa' Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse. Quest'anno la campagna sara' dedicata interamente alla consulenza da parte di specialisti dermatologi: lunedi' 27 maggio dalle ore 9 alle ore 18, si potra' chiamare da tutta Italia il numero verde 800591309 per essere messi in contatto con il centro dermatologico piu' vicino, dove uno specialista rispondera' a tutte le domande fornendo le informazioni necessarie per una corretta prevenzione e una diagnosi precoce del melanoma e degli altri tumori della pelle non melanoma. La lotta al melanoma e' diventata anche hi-tech: numerose le App messe a punto per favorire l'auto-diagnosi attraverso la rilevazione sulla pelle dei segnali di allarme caratteristici dei tumori. Queste Applicazioni hanno in archivio foto di moltissimi nei e usano avanzati algoritmi per analizzare la probabilita' di un possibile melanoma seguendo le regole del metodo ABCDE. Ma, avvertono gli esperti, un recente studio ha indagato il grado di attendibilita' di queste nuove tecnologie scoprendo che 3 App su 4 classificano piu' del 30% dei melanomi esaminati come non rilevanti; affidarsi a questi strumenti piuttosto che al dermatologo non e' quindi consigliabile, perche' puo' allungare molto i tempi della diagnosi peggiorando la prognosi. Le App rappresentano, invece, un valido strumento di informazione sul melanoma e possono migliorare la comunicazione medico-paziente. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari