giovedì 23 febbraio | 06:07
pubblicato il 11/lug/2013 18:50

Tumori: italiani a rischio colon-retto, 52mila diagnosi nel 2012

Tumori: italiani a rischio colon-retto, 52mila diagnosi nel 2012

(ASCA) - Milano, 11 lug - Il tumore del colon-retto e' in assoluto il tumore a maggiore insorgenza nella popolazione italiana, con quasi 52.000 diagnosi stimate nel 2012. ''In Italia l'incidenza delle neoplasie del colon-retto e' di circa 48-50mila casi ogni anno - sottolinea Francesco Di Costanzo, Direttore Oncologia Medica Ospedale Careggi di Firenze - e circa 22mila pazienti presentano la malattia in fase avanzata o metastatica''.

Tra gli uomini e' il terzo tipo di tumore piu'diffuso dopo quelli alla prostata e al polmone mentre tra le donne e' al secondo posto preceduto dal tumore alla mammella.

L'importanza dello screening e' evidenziata dal fatto che il tumore del colon-retto in stadio iniziale si presenta spesso senza sintomi. ''L'avvio di numerosi programmi di screening - continua Di Costanzo - ha permesso un maggior numero di diagnosi in fase iniziale della neoplasia, quindi un contenimento del trend di crescita della patologie'. In Italia, nel corso del 2011, quasi 1,8 milioni di donne e uomini hanno effettuato il test del sangue occulto nelle feci (o la rettosigmoidoscopia) per identificare precocemente il tumore del colon retto e il 45-50% della popolazione target riceve periodicamente l'invito per sottoporsi ai test per la diagnosi precoce. Negli ultimi anni gli screening hanno avuto un impatto significativo sulla salute di decine di migliaia di persone, contribuendo ogni anno all'individuazione di lesioni e forme pre-tumorali o di tumori conclamati. Nel 2011, infatti, grazie allo screening del colon-retto sono stati individuati oltre 2.800 tumori e piu'di 15.000 adenomi avanzati''. Il tumore del colon-retto e' caratterizzato dalla crescita incontrollata di cellule anomale all'interno del colon e del retto. In quasi tutti i casi, si ritiene che questa forma tumorale si sviluppi inizialmente da piccole escrescenze, dette polipi, che possono formarsi a partire dalla mucosa del colon o del retto. Se diagnosticato precocemente, e' quasi sempre possibile asportare il polipo maligno; tuttavia, spesso i sintomi iniziali possono essere confusi con quelli di altre patologie e al momento della diagnosi il tumore puo' essersi gia' diffuso in altre parti del corpo (metastatizzazione).

Gli stili di vita e la familiarita' sono chiamati in causa quali fattori di aumento del rischio di incidenza delle lesioni precancerose che portano all'insorgere dei carcinomi del colon-retto: tra i primi spiccano il consumo di carni rosse e insaccati, farine e zuccheri raffinati, il sovrappeso e la ridotta attivita' fisica il fumo e l'eccesso di alcol. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech