venerdì 24 febbraio | 21:13
pubblicato il 08/gen/2013 20:05

Tumori: in Campania si muore di piu'. Balduzzi, nessun nesso con rifiuti

Tumori: in Campania si muore di piu'. Balduzzi, nessun nesso con rifiuti

(ASCA)- Roma, 8 gen - In Campania i tumori uccidono piu' che nel resto d'Italia. Lo rivela la relazione finale del gruppo di lavoro del ministero della Salute sulla situazione epidemiologica del territorio. La mortalita' per tumori maligni in regione e' superiore ai valori dell'intera Italia, in particolare nelle province di Caserta (solo per gli uomini) e di Napoli (per uomini e donne), Si muore soprattutto di cancro a fegato, laringe, trachea-bronchi e polmone, prostata, vescica. La relazione sottolinea pero' che non e' dimostrato alcun nesso tra l'aumento della mortalita' e la presenza di rifiuti tossici o di altri elementi inquinanti come roghi, diossina e sversamenti illegali. E' stato lo stesso ministro Balduzzi a ribadirlo, spiegando che ''ad oggi dagli studi non risulta un nesso causale accertato fra lo smaltimento dei rifiuti e la ripercussione sulla salute'', ammettendo comunque che ''potenziali implicazioni sulla salute non possono essere escluse''. In Campania anche il record negativo delle attese di vita per chi si ammala di tumore, minori rispetto a chi abita in altre zone d'Italia.

Balduzzi ha oggi proposto anche la creazione di una task force con la Regione per lavorare a una serie di punti focali: dalla raccolta di informazioni alla promnozione di corretti stili di vita, al potenziamento delle campagnedi screening e del sistema di cure e dei percorsi diagnostici terapeutici.

Critico nei confronti delle parole del ministro il senatore PD Ignazio Marino, Presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio sanitario nazionale. ''Sorprendono le parole del ministro Balduzzi che - obietta - sembra non conoscere o almeno non prendere in considerazione le relazioni che centinaia di studi scientifici pongono tra una sostanza come la diossina e l'insorgenza di tumori''. ''Decenni di mancato smaltimento dei rifiuti urbani e di deposito di rifiuti industriali e speciali particolarmente nocivi in discariche illegali - sottolinea - hanno contaminato il territorio producendo un disastro ambientale che si traduce in disastro sanitario. Napoli e la Campania sono state avvelenate per oltre un terzo di secolo con pesantissime conseguenze per i suoi abitanti cosi' che oggi in questa regione si registra un aumento della mortalita' del 9% tra gli uomini, del 12% tra le donne, un aumento anche dell'80% di tumori ai polmoni e allo stomaco, linfomi e malformazioni neonatali, mentre altre regioni italiane assistono ad una diminuzione di queste patologie''.

''Occorre con urgenza- avverte - un piano concreto di prevenzione sanitaria e bonifica del territorio che consenta di tutelare seriamente la salute dei cittadini''. mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech