mercoledì 22 febbraio | 12:37
pubblicato il 06/mag/2013 19:38

Tumori: Genoma, le ''amicizie pericolose'' della proteina NF-Y

Tumori: Genoma, le ''amicizie pericolose'' della proteina NF-Y

(ASCA) - Roma, 6 mag - Effettuata la sequenza completa del genoma umano, una delle sfide biologiche piu' ambiziose resta quella di capire i meccanismi che ne determinano la regolazione - che avviene tramite le modificazioni ''epigenetiche'' della cromatina - nonche' di comprendere le strategie dei fattori di regolazione dell'espressione genica a livello globale. Di questo si occupa l'ambizioso Progetto ENCODE, guidato dal National Genome Research Institute (Nhgri) e dallo European Bioinformatics Institute (Embl-Ebi).

Fra le proteine che regolano l'espressione genica c'e' NF-Y, il fattore trascrizionale studiato da molti anni nel laboratorio di Roberto Mantovani presso il Dipartimento di Bioscienze dell'Universita' degli Studi di Milano, non a caso incluso nelle analisi genomiche del Progetto ENCODE.

Dopo aver scoperto nel 2012 che NF-Y ha una funzione cruciale nel mantenimento della totipotenza delle cellule staminali embrionali, ed avere in seguito identificato, nel gennaio del 2013, la struttura di NF Y ed il ruolo determinante che la proteina svolge nella regolazione epigenetica, ora il gruppo di Roberto Mantovani compie un nuovo importante passo in avanti, con uno studio svolto in collaborazione con Kevin Struhl dell'Universita' di Harvard ed ENCODE.

Lo studio, appena pubblicato su Genome Research, chiarisce la strategia globale mediante cui NF-Y interviene nella regolazione genomica, evidenziando, in particolare, due aspetti ricchi di implicazioni. Il primo riguarda l'identificazione di un gruppo di ''amici'' stretti di NF-Y nelle strategie genomiche, ossia proteine che entrano in contatto con il DNA nelle postazioni piu' vicine a NF-Y. Molti di queste sono regolatori della crescita cellulare (FOS, MYC, E2F) e, nel caso di loro alterazioni genetiche, diventano veri e propri oncogeni. Il secondo punto riguarda la capacita' di NF-Y di contattare il DNA sia in zone in cui la cromatina e' ''attiva'', sia in quelle dove e' ''repressa'', un fatto raro tra i regolatori dell'espressione genica.

L'implicazione dell'insieme di queste due evidenze e' che NF-Y sarebbe un ''pioniere'' epigenetico, permetterebbe cioe' ai fattori che stimolano la trasformazione tumorale l'accesso a zone cromatiniche ''protette'', vietate nelle cellule normali. Cio' spiegherebbe anche perche' NF-Y e i suoi ''amici'' vengano intercettati vicino ai geni la cui espressione e' presente solo, o aumentata rispetto alla norma, in caso di cancro. Poiche' la struttura di NF-Y e di molte di queste proteine ''amiche'' e' nota, spiegano i ricercatori, si puo' ora immaginare di individuare composti/farmaci, in grado di separarle, almeno parzialmente, intervenendo cosi' a frenarne la sinergia nel processo di sviluppo tumorale.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
Chiesa
Presunti festini gay a Napoli, il card. Sepe sospende sacerdote
Taxi
Protesta taxi a Roma: scontri, bombe carta e tirapugni: 4 fermi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%