martedì 17 gennaio | 09:58
pubblicato il 03/lug/2013 17:59

Tumori: cancro seno per donne prima causa di morte oncologica

Tumori: cancro seno per donne prima causa di morte oncologica

(ASCA) - Roma, 3 lug - Il tumore al seno e' la prima causa di morte oncologica per le donne. In Italia sono circa 46 mila i nuovi casi annui di carcinoma mammario, secondo gli ultimi dati forniti dall'Associazione italiana registro tumori (Airtum). Oggi, pero', il cancro alla mammella fa meno paura se diagnosticato in tempo, ''quello che bisogna rafforzare e' quindi l'attivita' di screening''. Ad esserne convinto e' Luca Marino, medico e direttore sanitario dei centri diagnostici Marilab di Roma.

''Ogni donna sopra i 35 anni dovrebbe fare una mammografia - prosegue l'esperto - ma siccome esiste un numero discreto di tumori che insorgono prima dei 35 anni si comincia a dire che insieme alla visita ginecologica, e all'autopalpazione del seno, sarebbe bene effettuare anche un'ecografia. La mammografia interviene successivamente, e in questo ambito Marilab e' tra i pochi centri a Roma a svolgere questa indagine con un'alta professionalita'. L'esame, infatti, e' realizzato da specialisti che si occupano di senologia e che visitano il paziente prendendolo in carico globalmente. La mammografia - precisa Marino - diventa quindi uno strumento inserito all'interno di una visita specialista che consente al paziente di uscire dal nostro centro con una diagnosi. Se dalla visita poi risulti necessario effettuare ulteriori controlli attraverso la risonanza e l'ecografia, noi li eseguiamo nella stessa sede''.

La Risonanza Magnetica Mammaria (RMM), invece, e' un esame di secondo livello. ''Una metodica messa a punto di recente - chiarisce il direttore sanitario - che ha preso piede laddove la mammografia non e' dirimente, perche' non ci da' le informazioni necessarie per realizzare una diagnosi definitiva. Insomma, la RMM interviene quando e' presente un problema legato alla composizione della ghiandola mammaria oppure con le donne che hanno le protesi''. Inoltre, ''conviene fare direttamente una RMM se in famiglia ci sia gia' un caso di tumore al seno, cosi' da evidenziare in maniera piu' precoce l'insorgenza del cancro rispetto a quanto, ad esempio, possa essere accaduto alla madre. Infine, un altra situazione da citare - precisa Marino - riguarda le pazienti gia' operate al seno, che eseguono i follow-up piu' con la risonanza che con la mammografia''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello