martedì 06 dicembre | 04:40
pubblicato il 03/lug/2013 17:59

Tumori: cancro seno per donne prima causa di morte oncologica

Tumori: cancro seno per donne prima causa di morte oncologica

(ASCA) - Roma, 3 lug - Il tumore al seno e' la prima causa di morte oncologica per le donne. In Italia sono circa 46 mila i nuovi casi annui di carcinoma mammario, secondo gli ultimi dati forniti dall'Associazione italiana registro tumori (Airtum). Oggi, pero', il cancro alla mammella fa meno paura se diagnosticato in tempo, ''quello che bisogna rafforzare e' quindi l'attivita' di screening''. Ad esserne convinto e' Luca Marino, medico e direttore sanitario dei centri diagnostici Marilab di Roma.

''Ogni donna sopra i 35 anni dovrebbe fare una mammografia - prosegue l'esperto - ma siccome esiste un numero discreto di tumori che insorgono prima dei 35 anni si comincia a dire che insieme alla visita ginecologica, e all'autopalpazione del seno, sarebbe bene effettuare anche un'ecografia. La mammografia interviene successivamente, e in questo ambito Marilab e' tra i pochi centri a Roma a svolgere questa indagine con un'alta professionalita'. L'esame, infatti, e' realizzato da specialisti che si occupano di senologia e che visitano il paziente prendendolo in carico globalmente. La mammografia - precisa Marino - diventa quindi uno strumento inserito all'interno di una visita specialista che consente al paziente di uscire dal nostro centro con una diagnosi. Se dalla visita poi risulti necessario effettuare ulteriori controlli attraverso la risonanza e l'ecografia, noi li eseguiamo nella stessa sede''.

La Risonanza Magnetica Mammaria (RMM), invece, e' un esame di secondo livello. ''Una metodica messa a punto di recente - chiarisce il direttore sanitario - che ha preso piede laddove la mammografia non e' dirimente, perche' non ci da' le informazioni necessarie per realizzare una diagnosi definitiva. Insomma, la RMM interviene quando e' presente un problema legato alla composizione della ghiandola mammaria oppure con le donne che hanno le protesi''. Inoltre, ''conviene fare direttamente una RMM se in famiglia ci sia gia' un caso di tumore al seno, cosi' da evidenziare in maniera piu' precoce l'insorgenza del cancro rispetto a quanto, ad esempio, possa essere accaduto alla madre. Infine, un altra situazione da citare - precisa Marino - riguarda le pazienti gia' operate al seno, che eseguono i follow-up piu' con la risonanza che con la mammografia''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari