domenica 04 dicembre | 07:09
pubblicato il 30/gen/2012 15:46

Truffa fondi editoria, a giudizio Giuseppe Ciarrapico

A processo anche il figlio Tullio e altre 10 persone

Truffa fondi editoria, a giudizio Giuseppe Ciarrapico

Roma, 30 gen. (askanews) - A giudizio per aver preso contributi all'editoria in modo indebito. Il senatore del Pdl e imprenditore Giuseppe Ciarrapico è stato mandato a processo dal giudice dell'udienza preliminare del tribunale di Roma Nicola Di Grazia. Il rinvio disposto dal gup comprende il figlio dell'imprenditore, Tullio, e altre 10 persone. I reati contestati dal pm Simona Marazza, vanno dalla truffa aggravata ai danni dello Stato al favoreggiamento; dalla violazione della disciplina della responsabilità amministrativa delle società, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti. Il giudice ha dichiarato il non doversi procedere per intervenuta prescrizione in relazione ai fatti in contestazione avvenuti tra il 2002 e il 2003, nonché nei confronti della società Nuova Editoriale Oggi (reato prescritto) e della Editoriale Ciociaria Oggi srl (società fallita). Il dipartimento per l'informazione e l'editoria della presidenza del consiglio si è costituita parte civile con l'avvocato Massimo Giannuzzi. Il processo prenderà il via il 28 giugno prossimo, davanti al tribunale monocratico della Capitale. (Segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari