mercoledì 18 gennaio | 00:41
pubblicato il 23/ott/2014 08:30

Truffa all'Inps da 4,5mln, denunciati dalla GdF 325 stranieri

Prendevano indebitamente assegno sociale, indagini in 75 province

Truffa all'Inps da 4,5mln, denunciati dalla GdF 325 stranieri

Roma, 23 ott. (askanews) - Trecentoventicinque stranieri che percepivano indebitamente l'assegno sociale sono stati scoperti e denunciati al termine di un'operazione coordinata dal Nucleo speciale Spesa pubblica e Repressione frodi comunitarie della Guardia di Finanza e che ha visto in azione i comandi del Corpo di 75 province. Oltre 4,5 milioni di euro il danno sin qui arrecato, ma dal blocco delle erogazioni l'Inps potrà avere un risparmio di circa 2 milioni di euro all'anno.

L'operazione è frutto della collaborazione fra la Finanza e l'Inps, da qualche mese rafforzata con le firma di un apposito protocollo d'intesa. L'indagine è partita mosse dall'analisi, condotta dal Nucleo Speciale, dei dati relativi ai fruitori del beneficio messi a disposizione dall'Inps. L'incrocio di banche dati e la messa a sistema di altre informazioni di polizia ha permesso la predisposizione di un'analisi di rischio che è stata posta a disposizione dei Comandi territoriali della Guardia di Finanza, i quali hanno operato i controlli, mentre le sedi provinciali dell'Inps hanno assicurato il necessario supporto in loco.

I controlli hanno riguardato la posizione di cittadini stranieri immigrati ultrasessantacinquenni che avevano dichiarato particolari situazioni di disagio economico. L'assegno sociale, infatti, è uno strumento assistenziale, del valore di massimo di circa 450 euro mensili, che viene corrisposto ai cittadini italiani e agli stranieri stabilmente residenti Italia, che abbiano superato il sessantacinquesimo anno di età e che si trovino in particolare situazione di disagio economico Le indagini hanno permesso di individuare 325 persone che percepivano il trattamento assistenziale, mediante accredito in conto corrente, pur avendo fatto ritorno ai loro paesi di origine, o essendosi assentati continuativamente oltre 30 giorni dal territorio nazionale senza alcuna comunicazione ai fini della sospensione temporanea del beneficio, così come previsto dalla normativa vigente.

I 325 illeciti percettori sono stati segnalati all'autorità giudiziaria per i reati di truffa o malversazione, nonché alla magistratura contabile.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa