lunedì 27 febbraio | 03:55
pubblicato il 01/feb/2014 12:12

Troppo cronisti, salta interrogatorio a Palermo di Provenzano jr

Doveva testimoniare sul presunto tentativo di suicidio del padre

Troppo cronisti, salta interrogatorio a Palermo di Provenzano jr

Palermo, (askanews) - Ci sono i giornalisti, e l'interrogatorio del testimone in Procura salta. Il testimone in questione è Angelo Provenzano, figlio del boss Bernardo, chiamato a Palermo come teste nell'ambito dell'inchiesta sul presunto tentativo di suicidio di suo padre, nel carcere di Parma nel maggio 2012.Angelo Provenzano, venuto a Palermo da Corleone, era stato convocato dai magistrati, ma mentre attendeva insieme al suo avvocato Rosalba Di Gregorio, dietro al portone, è stato raggiunto telefonicamente da un funzionario della Dia che gli ha comunicato l'annullamento dell'incontro proprio per la presenza dei cronisti, troppi "per un atto che si doveva svolgere con discrezione"."Mi chiedo quando mai la stampa ha creato problemi, dal momento che non partecipa agli interrogatori", ha commentato l'avvocato Rosalba De Gregorio.L'incontro è slittato a lunedì 3 febbraio alle 16 nella sede della Dia a Palermo.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech