lunedì 27 febbraio | 08:35
pubblicato il 26/ago/2011 11:51

Trieste, cadavere bruciato con mani e piedi legate: un fermo

La vittima sarebbe un 23enne triestino, movente:regolamento conti

Trieste, cadavere bruciato con mani e piedi legate: un fermo

Roma, 26 ago. (askanews) - Il cadavere semicarbonizzato, legato mani e piedi, di un giovane è stato trovato in un appartamento abbandonato in via Gemona, rione Gretta a Trieste. La polizia di Trieste ha fermato una persona, sospettata di aver preso parte al delitto. E' ancora in corso l'identificazione della vittima, ma secondo i primi riscontri degli investigatori, si tratterebbe di un ragazzo di 23 anni, triestino, con piccoli precedenti e il movente dell'omicidio sarebbe da rintracciare in un regolamento di conti tra gruppi di piccoli criminali e violenti del vicino rione Roiano. Anche il fermato, triestino, conta alcuni precedenti per violenza e minacce. La vittima sarebbe stata quindi portata nell'edificio fatiscente di via Gemona, spesso rifugio di senza tetto, e qui uccisa, poi il cadavere dato alle fiamme.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech