domenica 26 febbraio | 11:40
pubblicato il 09/gen/2013 12:00

Tribunale di Milano su sentenza Veronica: Berlusconi non dileggi

Ex premier: alimenti a Lario decisi da 3 "giudichesse femministe"

Tribunale di Milano su sentenza Veronica: Berlusconi non dileggi

Milano, 9 gen. (askanews) - Respingono ogni insinuazione i tre giudici del Tribunale di Milano, accusati da Silvio Berlusconi di essere "comuniste e femministe" e che hanno deciso la cifra degli alimenti da versare alla ex moglie Veronica Lario nella sentenza di separazione. Inoltre i giudici invitano a evitare "ogni espressione di dileggio" nei confronti della magistratura. "Respingiamo con fermezza ogni insinuazione sulla non terzietà dei giudici del Tribunale di Milano, componenti del collegio giudicante nella causa Bartolini Berlusconi essendo a tutti nota la diligenza e la capacità professionale delle stesse, quotidianamente impegnate nella fatica della giurisdizione nella delicata materia del diritto di famiglia". Lo affermano in un comunicato il presidente del Tribunale di Milano Livia Pomodoro e il il presidente della corte d'appello Giovanni Canzio replicando al Cavaliere. Berlusconi ha parlato ieri per la prima volta della sentenza di divorzio da veronica Lario e ha attaccato le "tre giudichesse femmiste e comuniste" che hanno deciso gli alimenti per l'ex moglie. "Non sono 100 mila euro al giorno, sono 200 mila al giorno". Ha affermato Berlusconi a Otto Mezzo parlando della sentenza. Una sentenza e una cifra decisa da "tre giudichesse femministe e comuniste. E' una cosa che sta nella realtà: 36 milioni con un arretrato di 76 milioni. Questi sono i giudici di Milano che mi perseguitano dal '94". Nella causa con Veronica Lario "farò un appello, ma spero di poter trovare un accordo visto che siamo in rapporti civilissimi", ha aggiunto il leader del Pdl. Pomodoro e Canzio hanno ricordato nella nota la raccomandazione del consiglio d'Europa "che prescrive ai rappresentanti dei poteri esecutivo e legislativo di evitare nel commento delle decisioni ogni espressione di dileggio che possa minare la fiducia dei cittadini nella magistratura e compromettere il rispetto sostanziale delle medesime decisioni".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech