sabato 03 dicembre | 21:02
pubblicato il 19/mag/2014 19:32

Tregua dei tassisti milanesi dopo gli scontri con autisti Uber

Mercoledì incontreranno Lupi e gli chiederanno di fermare la app

Tregua dei tassisti milanesi dopo gli scontri con autisti Uber

Milano (askanews) - Giro di vite a Milano contro lo sciopero selvaggio dei tassisti, ma anche contro gli autisti delle auto a noleggio con conducente che non rispettano le regole. Lo ha deciso il prefetto di Milano in attesa che mercoledì il ministro dei trasporti, Maurizio Lupi, incontri i sindacati. Una linea dura che ha indotto i rappresentanti dei conducenti delle auto bianche, che protestano contro il servizio concorrente introdotto dall'applicazione per smartphone Uber, a tornare al volante, anche se la decisione non piace a molti e quasi tutti, come Claudio Leo, sono pronti a manifestare di nuovo se il Governo non metterà al bando il nuovo servizio: "Noi abbiamo una licenza, abbiamo fatto un mutuo per dieci o quindici anni, poi arrivano loro che ci vogliono fregare il nostro lavoro dove noi paghiamo le tasse e loro nulla. E' una cosa illegale, non può rimanere". Intanto nel parcheggio della Stazione Centrale dove i tassisti sono riuniti in presidio permanente il clima resta teso e allo scontento dei conducenti si unisce lo stupore dei clienti costretti a spingere le valigie fino alla metropolitana.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari