sabato 25 febbraio | 02:10
pubblicato il 22/mag/2013 20:32

Trapianti: Ismett Palermo varca traguardo dei 100 al polmone

Trapianti: Ismett Palermo varca traguardo dei 100 al polmone

(ASCA) - Palermo, 22 mag - L'Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione (ISMETT) di Palermo taglia il traguarda dei primi 100 trapianti di polmoni. Il trapianto n. 100 arriva a meno di sette anni dall'avvio del programma - il primo intervento di questo tipo e' stato realizzato a giugno del 2005 - e dimostra l'elevato livello di qualita' raggiunto dall'Istituto. I risultati del trapianto polmonare di ISMETT, infatti, si attestano ai livelli delle piu' autorevoli casistiche internazionali. L'attivita' del programma di trapianto polmonare si e' caratterizzata in questi anni per un livello di complessita' elevata, grazie anche all'esperienza derivata da una concomitante intensa attivita' di chirurgia toracica e di ricerca. Presso ISMETT sono stati effettuati, infatti, trapianti lobari, ovvero trapianti dei soli lobi polmonari anziche' dell'organo intero, trapianti pediatrici, interventi combinati fegato-polmone ed interventi di trapianto in pazienti per cui e' stato necessario utilizzare, prima dell'intervento, sistemi di circolazione extracorporea come supporto alla respirazione artificiale. Nel 2007 e' stato, inoltre, effettuato il primo trapianto di polmoni al mondo in un paziente HIV positivo. Il paziente n. 100 e' un uomo di 62 anni, affetto da insufficienza respiratoria terminale secondaria causata da un enfisema polmonare. L'uomo attendeva un organo da marzo del 2009. L'organo che gli ha salvato la vita e' ''arrivato'' da Pescara, grazie ad una donazione che si e' resa disponibile presso l'Ospedale Civile della citta' abruzzese. Attualmente il paziente e' ancora ricoverato presso l'Istituto, le sue condizioni sono giudicate buone, e' gia' stato dimesso dal reparto di terapia intensiva ed e' in fase di ripresa clinica. ''Il trapianto di polmone rappresenta una cura di successo per molti pazienti con insufficienza respiratoria terminale. Tuttavia i tempi di attesa per un polmone possono essere anche molto lunghi, come evidenzia il caso del centesimo paziente trapiantato, a causa del numero relativamente basso di polmoni utilizzabili dai donatori disponibili - spiega Alessandro Bertani, responsabile della Chirurgia Toracica e del programma di trapianto polmonare di ISMETT - .Per questo, gli sforzi del nostro gruppo ad ISMETT sono al momento incentrati sulla ricerca di soluzioni innovative per aumentare il numero e la disponibilita' di organi per il trapianto, con l'obiettivo di poter curare un numero sempre piu' alto di pazienti bisognosi. In totale dall'inizio dell'attivita' in ISMETT sono stati realizzati 1382 trapianti, di questi 841 sono trapianti di fegato (comprensivi di 107 da vivente e 17 combinati fegato-rene), 310 di rene (comprensivi di 140 da vivente e 9 combinati rene - pancreas), 100 di polmone (comprensivi di 1 combinato fegato-polmone), 110 di cuore (comprensivi di due trapianti combinati cuore-rene), 4 di pancreas''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech