giovedì 08 dicembre | 17:29
pubblicato il 09/ott/2013 12:00

Trapani, sequestro beni da 38 mln riconducibili a Messina Denaro

Sigilli a società, appartamenti, terreni e conti correnti

Trapani, sequestro beni da 38 mln riconducibili a Messina Denaro

Palermo, 9 ott. (askanews) - Un duro colpo al patrimonio riconducibile al numero uno di Cosa nostra, Matteo Messina Denaro, ed alla famiglia mafiosa di Campobello di Mazara, è stato messo a segno dai carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani, che all'alba di oggi hanno eseguito un provvedimento di sequestro di beni per un valore di circa 38 milioni di euro emesso dal tribunale di Trapani su proposta della Procura distrettuale antimafia di Palermo. Il sequestro completa un percorso investigativo che, dopo aver portato all'arresto degli esponenti di spicco dell'organizzazione, ha contestualmente individuato un ingente patrimonio accumulato illecitamente. I sigilli sono scattati per aziende olearie, attività commerciali, appartamenti, terreni e numerosi conti correnti bancari. L'intervento si è concentrato nelle province di Trapani, Varese e Milano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni