martedì 24 gennaio | 01:53
pubblicato il 29/mar/2011 15:46

Trani/ Pm Roma chiede autorizzazione intercettazioni Berlusconi

Istanza reiterata dagli inquirenti della Procura capitolina

Trani/ Pm Roma chiede autorizzazione intercettazioni Berlusconi

Roma, 29 mar. (askanews) - Ancora una volta gli inquirenti della Procura di Roma hanno inoltrato al Tribunale dei ministri la richiesta di autorizzare l'uso delle intercettazioni che coinvolgono Silvio Berlusconi, acquisite nell'inchiesta della Procura di Trani sulle carte di credito revolving. Nel fascicolo il premier risulta indagato il premier per il reato di concussione e minaccia a un corpo amministrativo dello Stato. Dal marzo dello scorso anno, da quando cioè il fascicolo è stato trasmesso a Roma per competenza, è la terza volta che i pubblici ministeri Caterina Caputo e Roberto Felici, d'intesa con l'aggiunto Alberto Caperna, inviano ai giudici di via Triboniano tale richiesta. Così come avevano fatto in precedenza i magistrati di piazzale Clodio, rispondendo al Tribunale dei ministri, hanno motivato l'utilizzabilità delle intercettazioni sostenendo, sulla base di una serie di pronunce della Cassazione, che è possibile derogare all'articolo 270 del codice di procedura penale, che vieta di usare le intercettazioni acquisite nell'ambito di un procedimento diverso. I magistrati coordinati dal procuratore capo Giovanni Ferrara chiedono, in pratica, al Tribunale dei ministri di inoltrare alla Camera dei deputati la richiesta di autorizzare l'uso delle 18 intercettazioni in questione nell'inchiesta che vede indagato Berlusconi per le presunte pressioni esercitate nel 2009 dal presidente del Consiglio sull'ex commissario dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Giancarlo Innocenzi, allo scopo di evitare la messa in onda della trasmissione di Michele Santoro, 'Annozero'. Nel documento inviato al collegio per i reati ministeriali i pm si riservano, una volta ottenuta l'autorizzazione, di trarre le conclusioni dell'inchiesta, inviando al Tribunale le loro ulteriori richieste.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4