domenica 04 dicembre | 15:19
pubblicato il 08/ott/2012 11:35

Torna alla luce Zhenya, il mammouth scoperto da un undicenne

L'animale è perfettamente conservato, scoperta senza precedenti

Torna alla luce Zhenya, il mammouth scoperto da un undicenne

San Pietroburgo (askanews) - Eccolo Zhenya, il mammouth preistorico, con una stazza di oltre 500 kg, i cui resti sono stati scoperti nel permafrost siberiano da un ragazzino di 11 anni. Yevgeny Salinder si è imbattuto per caso nelle ossa che sporgevano mentre passeggiava con il fratello sulle rive del fiume Ienissei, nel Grande Nord della Russia. Yevgeny ha inavvertitamente fatto la scoperta più sensazionale degli ultimi anni. Per quanto sia frequente in Siberia, infatti, imbattersi in resti di questi pachidermi preistorici, il ritrovamento di Zhenya (a cui è stato dato il nomignolo del suo giovane scopritore) ha dell'incredibile per il perfetto stato di conservazione dell'intera struttura anatomica dell'animale, come ha fatto notare Alexei Tikhonov, direttore del museo zoologico di San Pietroburgo che si è immediatamente recato sul posto. Gli scienziati hanno dovuto lavorare per settimane prima di riuscire a estrarre la carcassa del mammouth dal terreno ghiacciato. I resti poi è stata portata in elicottero a Mosca, dove Zhenya verrà studiato da un team di paleontologi prima di essere esposto permanentemente al museo di storia naturale di Taymyr.(immagini AFP)

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari