sabato 03 dicembre | 01:36
pubblicato il 25/gen/2012 09:12

Torino/Nas Sequestrano 3 tonnnellate 'bugie',dolci carnevaleschi

Per false informazioni in etichetta su stabilimento produzione

Torino/Nas Sequestrano 3 tonnnellate 'bugie',dolci carnevaleschi

Roma, 25 gen. (askanews) - Quasi 3 tonnellate di 'bugie', dolci tipici carnevaleschi piemontesi, sono state sequestrate dai carabinieri dei Nas. I militari hanno individuato un'azienda del capoluogo piemontese che distribuiva alimenti apponendo in etichetta false informazioni relative allo stabilimento di produzione. L'operazione si inquadra nella vigilanza che i Carabinieri dei NAS effettuano nei confronti degli opifici operanti nel comparto dolciario, che in questo periodo incrementano la propria attività nel particolare settore dei prodotti tipici "carnevaleschi". Proprio nel corso di un'ispezione - si legge in un comunicato - effettuata presso una di queste aziende i militari hanno infatti rinvenuto oltre 400 confezioni da mezzo chilo di "bugie", pronte ad essere commercializzate a favore di supermercati della regione, sulle quali erano state apposte etichette che le caratterizzavano come prodotte dalla stessa ditta nello stabilimento sottoposto a controllo. L'esame della documentazione e la verifica delle linee produttive aziendali hanno invece consentito di accertare che tra le preparazioni dolciarie della ditta non era contemplata quella delle "bugie", risultate in realtà prodotte da un'azienda della provincia di Treviso dalla quale l'opificio torinese le aveva acquistate per rivenderle come "produzione propria". La falsa indicazione apposta nell'etichetta aveva l'evidente fine di poter vantare nei confronti della clientela una gamma di produzioni più ampia rispetto a quella reale, nonché di attribuire all'alimento un valore aggiunto (quello della "produzione locale") che ne consente una maggiore commercializzazione. Tale irregolarità però, oltre a costituire una truffa commerciale nei confronti del consumatore, rende problematica la tempestiva esecuzione di verifiche presso l'azienda produttrice da parte degli organi di controllo, nel caso in cui dovessero essere rilevate anomalie nell'alimento (come, ad esempio, la presenza di contaminazioni batteriche o di sostanze allergizzanti non dichiarati in etichetta). Le oltre 400 confezioni rinvenute presso l'azienda sono state sottoposte a sequestro dai Carabinieri del Nucleo piemontese, che hanno esteso gli accertamenti anche agli esercizi commerciali ai quali sono state distribuite le "bugie" irregolari, sequestrandone ulteriori 5400 confezioni rinvenute in un ipermercato del vercellese. Sono in corso ulteriori accertamenti tesi al rintraccio di tutte le confezioni irregolari di "bugie", ancora sul mercato, distribuite dall'azienda torinese, il cui titolare è stato denunciato per frode nell'esercizio del commercio. Il valore degli alimenti sottratti alla distribuzione, al momento, supera i 22mila euro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari