lunedì 05 dicembre | 03:44
pubblicato il 01/nov/2012 12:13

Torino, studenti sgomberati si accampano all'università

Idonei alle borse di studio, ma non ci sono fondi

Torino, studenti sgomberati si accampano all'università

Torino, (askanews) - Sgomberati dalla residenza universitaria, che avevano occupato a gennaio perchè destinatari di borse di studio mai erogate a causa del taglio dei fondi. Un centinaio di studenti torinesi ha così scelto di occupare Palazzo Nuovo, sede delle facoltà umanistiche dell'Università. "Per adesso dormiremo qua finchè non si sbloccherà qualcosa, finchè non arriveranno chiarimenti da Edisu, università e Regione".Un'emergenza dettata anche dai prezzi degli alloggi a Torino, meno cara di Roma e Bologna, ma con prezzi abbastanza alti da mettere in difficoltà gli studenti. "Dai 300-400 euro per un monolocale, una stanza doppia sui 300 euro poi dipende sempre dalla zona".I fondi per i borsisti non ci sono, denuncia un rappresentante degli studenti, ma quelli per aprire il nuovo polo sì. "Se da un lato vengono tagliati borse di studio e posti letto per gli studenti, vengono sgomberati dove cercando di sopperire a queste mancanze dell'Ente per il diritto allo studio, vediamo che l'università spende milioni di euro per costruire un nuovo polo. Ci sembra ci sia una contraddizione tra questi due termini: quel polo non ha neanche le aule abbastanza grandi per ospitare tutti gli studenti".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari