lunedì 27 febbraio | 04:07
pubblicato il 30/giu/2011 17:33

Torino "smart city", entro il 2020 meno consumi e inquinamento

Il sindaco Fassino: progetto ambizioso per migliore qualità vita

Torino "smart city", entro il 2020 meno consumi e inquinamento

Torino si candida a diventare una "Smart city", ovvero una delle città europee che s'impegnano, entro il 2020, a incrementare l efficienza energetica dei propri edifici, delle reti energetiche e dei sistemi di trasporto in modo da ridurre del 40% le emissioni di gas serra nell'atmosfera. Entusiasta sostenitore dell'iniziativa, promossa dall'Unione Europea, è il sindaco, Piero Fassino.Tra i partner del Comune che aderisce al progetto per il quale L'Europa ha stanziato già 75 milioni di euro ci sono le università piemontesi e aziende importanti come Enel, Eni, Telecom e la stessa Fiat. Per perfezionare la candidatura tecnici e ingegneri dovranno sviluppare una piattaforma progettuale in grado di rendere Torino una "città intelligente", riducendo consumi ed emissioni.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech