venerdì 02 dicembre | 23:19
pubblicato il 30/lug/2013 10:37

Torino: rapina a gestore slot machine, tre arresti

Torino: rapina a gestore slot machine, tre arresti

(ASCA) - Torino, 30 lug - I carabinieri della stazione di Torino Campidoglio hanno individuato e identificato una banda criminale rumena responsabile di una rapina ad un gestore di slot-machine. E' quanto si apprende da una nota diffusa dal comando provinciale di Torino in cui si specifica che i ladri, coperti da un passamontagna, sono entrati nel bar di proprieta' di un cittadino cinese e, dopo aver minacciato, imbavagliato e colpito con calci e pugni un dipendente, hanno portato via un distributore cambiamonete delle slot machine, contenente circa 8mila euro, sradicandolo con un palanchino.

Nel raid la banda ha rubato anche un computer portatile, l'incasso della giornata e una collanina di oro e il portafoglio della vittima.

I carabinieri hanno arrestato tre romeni.

L'identificazione dei rapinatori e' stata possibile grazie alle impronte digitali lasciate dai ladri sul nastro adesivo utilizzato per immobilizzare la vittima.

red/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari