giovedì 23 febbraio | 01:56
pubblicato il 25/mar/2014 11:01

Torino: bufera su Atc, 10 arresti per appalti manutenzione case popolari

Torino: bufera su Atc, 10 arresti per appalti manutenzione case popolari

(ASCA) - Torino, 25 mar 2014 - Dieci arresti sono stati eseguiti questa mattina a Torino a carico di dipendenti e dirigenti dell'Atc, Agenzia territoriale per la Casa, tra cui il direttore generale Marco Buronzo, e alcuni imprenditori nell'ambito di un'inchiesta sugli appalti per la manutenzione delle case popolari. Otto di loro, accusati di falso ideologico sono agli arresti domiciliari. Secondo l'accusa, l'inchiesta e' condotta dal Pm Sara Panelli, si sarebbe evidenziata l'esistenza di un ''sistema'' che consentiva ad ATC, tramite le societa' in house, di affidare lavori per importi rilevanti a societa' private senza il rispetto delle procedure ad evidenza pubblica. Gli accusati avrebbero concorso a formare falsi stati di avanzamento lavori, nei cantieri di alcuni comuni dell'hinterland come Settimo Torinese/Carignano, Brandizzo, Bussoleno, Forno Canavese, Sant'Antonino di Susa, Susa. In sostanza, avrebbero indicato false percentuali di manodopera impiegate da Ma.net, societa' in house dell'Atc, e dai subappaltatori. Per la realizzazione delle opere di ''manutenzione straordinaria diversa'' (che sostanzialmente consiste in una vera e propria attivita' di costruzione edilizia), Atc avrebbe potuto avvalersi dell'attivita' della Ma.net, a condizione che questa realizzasse almeno il 70% della parte prevalente dell'opera con proprie maestranze e beni e che, per la parte restante, la societa' si comportasse come stazione appaltante, aggiudicando gli ulteriori lavori a soggetti privati con procedure ad evidenza pubblica. Invece, dalle indagini e' emerso che Ma.net non rispettava, per i lavori dati in subappalto, i principi in materia di affidamento di lavori pubblici e, dall'altro lato, che ai soggetti ai quali venivano assegnati i lavori subappaltabili veniva, altresi', richiesto di realizzare con i propri mezzi e le proprie maestranze anche la parte di lavori di competenza della societa' in house. In tal modo si consentiva ai vertici Ma.net e Atc di gestire imponenti lavori che Ma.net non era, in realta', in grado di eseguire. int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech