domenica 04 dicembre | 17:37
pubblicato il 14/gen/2014 12:00

Topi in scuola dell'infanzia a Roma, chiusa dai Nas per 6 giorni

Fallita prima derattizzazione: attività sospesa alla Oberdan

Topi in scuola dell'infanzia a Roma, chiusa dai Nas per 6 giorni

Roma, 14 gen. (askanews) - Gli uomini del Nucleo antisofisticazione (Nas) dei carabinieri sono intervenuti questa mattina presso la scuola dell'infanzia "Guglielmo Oberdan" di Roma ed hanno deciso la chiusura dell'istituto per sei giorni a causa della presenza di topi in alcune aule. Escrementi di topo sono stati ritrovati giovedì scorso in alcune sezioni della scuola e un ratto è stato avvistato da una delle maestre. Un primo intervento per la derattizzazione, sollecitato prontamente alle autorità competenti dal rappresentante di istituto, non è andato a buon fine. Alcuni genitori sono stati costretti, per ragioni varie, ad accompagnare i bambini a scuola nonostante il problema fosse rimasto insoluto. Ma questa mattina, gli agenti dei Nas hanno deciso l'interruzione dell'attività scolastica a partire dalla giornata di domani e fino a lunedì 20 gennaio. Durante la chiusura, le autorità competenti procederanno a un nuovo tentativo di derattizzazione, i cui risultati saranno valutati proprio nella giornata di lunedì. Solo in quel momento i Nas decideranno se l'attività scolastica potrà riprendere o sarà necessario un nuovo periodo di sospensione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari