domenica 26 febbraio | 06:32
pubblicato il 24/gen/2015 14:09

Terrorismo, Orlando: c'è un pericolo reale, serve coordinamento

"Importante che si crei rete fra chi indaga"

Terrorismo, Orlando: c'è un pericolo reale, serve coordinamento

Genova (askanews) - "C'è un pericolo reale che deriva dal fatto che ci troviamo di fronte a reati che hanno una dimensione transnazionale e che necessitano di un'attività di coordinamento delle indagini". Lo ha affermato il ministro della

Giustizia, Andrea Orlando, a margine della cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario alla Corte d'Appello di Genova.

"E' importante - ha sottolineato Orlando - che si crei una rete tra tutti i soggetti che indagano su questi temi e come abbiamo visto nella vicenda francese la tempestività della trasmissione delle informazioni è importante sia sul fronte dell'amministrazione e cioè delle forze dell'ordine che sul fronte della giurisdizione. In questo senso -ha concluso- è fondamentale che ci sia un coordinamento anche sul fronte

nazionale delle Procure".

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech