venerdì 24 febbraio | 21:11
pubblicato il 30/nov/2016 14:22

Terrorismo, altre due espulsioni. Sono 127 dal 2015

Alfano: "Prosegue l'intensa attività di prevenzione"

Terrorismo, altre due espulsioni. Sono 127 dal 2015

Roma, 30 nov. (askanews) - Espulsi negli ultimi giorni dall'Italia due uomini per motivi di sicurezza dello Stato, legati all'estremismo di matrice islamica. Sono 127 gli espulsi da gennaio 2015 a oggi nel contrasto all'estremismo religioso, di cui 61 dall'1 gennaio 2016.

Il ministro dell'Interno Angelino Alfano ha fatto sapere che "oggi è stato rimpatriato, con un volo partito da Milano Malpensa, un 26enne kosovaro, residente a Fiesse, in provincia di Brescia. Le indagini di Polizia hanno documentato che lo straniero era collegato al circuito di un foreign fighter marocchino, partito da Brescia nel settembre 2013 per raggiungere il teatro siro-iracheno dove si era unito alle milizie dell'autoproclamato Stato Islamico. Il profilo facebook del kosovaro è apparso subito molto interessante perché conteneva documenti e file di propaganda jihadista, nonché contatti con due noti islamisti, un tempo presenti in Italia e già destinatari di miei provvedimenti di espulsione. Inoltre, era impegnato in azioni di proselitismo nei confronti di alcuni utenti del web, esortandoli ad unirsi al Califfato".

"Il kosovaro era stato destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Brescia per il reato di apologia e istigazione per reati di terrorismo, aggravati dall'uso del mezzo telematico, eseguita lo scorso 3 novembre, ma il 18 novembre era stato scarcerato in ottemperanza all'ordinanza del competente Tribunale del Riesame".

In questi giorni è stato espulso anche un 42enne pakistano, in Italia dal 2006, frequentatore del luogo di culto tabligh di Prato, che aveva maturato un rapido processo di radicalizzazione indotto da un suo connazionale, già espulso per motivi di sicurezza dello Stato nell'aprile 2015: "Le attività investigative e di intelligence - ha spiegato il titolare del Viminale - hanno riscontrato che lo straniero manteneva contatti in Pakistan con ambienti islamici radicali e con soggetti che sostengono organizzazioni terroristiche attive in Afghanistan. Prosegue, dunque, l'intensa attività di prevenzione per abbassare il più possibile il livello di rischio in Italia, pur nella consapevolezza che nessun Paese, oggi, può dirsi a rischio zero", ha concluso Alfano.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech