lunedì 27 febbraio | 01:20
pubblicato il 22/ott/2013 19:03

Territorio: Agrinsieme, in Italia costruito troppo e male

Territorio: Agrinsieme, in Italia costruito troppo e male

(ASCA) - Roma, 22 ott - ''Oggi l'agricoltura e il cibo sono questioni strategiche che rivestono un ruolo centrale: la risorsa terra sta diventando sempre piu' scarsa e va quindi necessariamente tutelata, sul fronte ambientale, agricolo e idrogeologico. Condividiamo quindi pienamente le due iniziative legislative attualmente all'esame del Parlamento finalizzate a ridurre il consumo del suolo''. Lo ha dichiarato - riferisce una nota - il presidente di Fedagri, Giorgio Mercuri, intervenuto oggi, in rappresentanza del coordinamento Agrinsieme - che include Cia, Confagricoltura, Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative e Legacoop Agroalimentare - nel corso dell'audizione informale presso le commissioni parlamentari riunite Ambiente e Agricoltura sulle proposte di legge in materia di valorizzazione delle aree agricole e di contenimento del consumo del suolo. Nel corso del suo intervento Mercuri ha ricordato i dati dell'ultimo censimento Istat del 2011 che registrano come in Italia negli ultimi dieci anni siano state costruite 1.576.611 nuove case mentre nello stesso periodo la popolazione e' aumentata di solo il 4%. ''Questo e' solo un esempio - ha ribadito Mercuri - per dire che negli ultimi anni si e' costruito troppo e male''.

''Un terreno edificato - ha proseguito Mercuri - viene sottratto irrimediabilmente all'agricoltura. Un territorio edificato male inoltre, non solo non e' utilizzabile per produrre cibo, ma puo' seriamente compromettere la qualita' della vita di coloro che lo abitano poiche' accresce l'impermeabilita' del suolo e crea disordine urbanistico''. Mercuri ha quindi ribadito la necessita' che il legislatore affermi in modo deciso che il contenimento dell'utilizzo del suolo e' realizzabile attraverso un'ampia azione di tutela delle imprese agricole, senza limitarne lo sviluppo. Il presidente Fedagri ha inoltre osservato che ''se e' opportuno contrastare l'urbanizzazione selvaggia e l'abusivismo, allo stesso tempo e' auspicabile che i terreni agricoli non vengano abbandonati: si e' infatti assistito a fenomeni di dissesto idrogeologico li' dove cessavano progressivamente quelle attivita' agricole che venivano svolte in piena armonia con il territorio''.

com-stt/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech